Attualità Ragusa

Giuseppe Triberio, il tatuatore ragusano, nel cast di NY Ink

Un artista del tatuaggio che ha incantato gli americani

Ragusa - Un ragusano nel cast di “New York Ink”, il celeberrimo programma dedicato al mondo dei tatuaggi in onda su Sky. In Italia, viene trasmesso su DMAX. “NY Ink” è nato come spin-off di “Miami Ink”, ed è un docu-reality statunitense. Il programma tratta le vicende dello studio di tatuaggi Wooster St. Social Club di New York. Giuseppe Triberio, a settembre, notissimo tatuatore di Ragusa e proprietario di “Tattoo Store”, è stato l’unico italiano ad essere stato selezionato e che farà parte del cast. Ma non lo vedremo presto in tv: le puntate, infatti, vengono dapprima registrate e solo fra circa tre anni avremo il piacere di vederlo all’opera. Giuseppe Triberio, nel mondo dei tatuaggi, è un nome importante: possiede tre negozi a Ragusa, uno a Modica, uno a Vittoria e a breve ha in animo di aprire un negozio a Milano e uno a Roma.

Un artista del tattoo, un uomo che ha fatto della sua professione un’arte vera e propria, tanto da essersi specializzato in giro per il mondo dopo aver frequentato l’accademia per tatuatori a Bologna. Ma in cosa consiste il format di NY Ink? Giuseppe Triberio ci spiega: “In realtà io ho già partecipato a Miami Ink e sono stato nuovamente selezionato per settembre. Dovrò recarmi a New York per registrare le puntate e in pratica si vede un tatuatore all’opera mentre effettua i lavori sui clienti. A loro volta, i clienti raccontano la propria vita, la propria storia, il perché vogliono un tatuaggio piuttosto che un altro.

Mentre parlano, viene disegnato il tatuaggio. Alla fine, ringraziano sempre il lavoro svolto. Si potrebbe dire che i veri protagonisti sono i clienti, ma in realtà viene anche spiegata la tecnica del tatuaggio. Insomma, una delle occasioni migliori al mondo per farsi conoscere. Tutto il mondo ambisce di andare in questo studio. Io, 7 anni fa, avevo mandato il mio curriculum, così come tantissimi altri tatuatori in Italia.  Loro poi mi hanno contattato”.

Ma chi è Giuseppe Triberio? Originario di Chiaramonte, ha frequentato l’accademia di tatuatore a Bologna: “Ho aperto il mio primo studio in corso Italia, a Ragusa. Sono stato li tre anni. Poi per 11 anni mi sono trasferito a Palazzo Cocim, da 6 invece sono con Tattoo Store in via G. Di Vittorio. In questi anni ci siamo ingranditi e periodicamente vengono artisti tatuatori da tutto il mondo nel mio studio. A breve, ad esempio, avremo degli artisti thailandesi, considerati i migliori dell’Asia. Normalmente, lavoriamo in 4 allo studio, ma periodicamente arrivano artisti da ogni angolo della terra”.

Non tutti sanno che Giuseppe Triberio è stato anche il primo tatuatore che veniva dall’accademia a lavorare in provincia: “Avrò fatto penso migliaia di tatuaggi. All’epoca, quando ho iniziato, il tattoo era ancora qualcosa di estremamente artigianale, improvvisato. Oggi, vengono nel mio negozio persone da tutta Italia, compresi tantissimi turisti di passaggio che hanno sentito parlare di noi”.

Ma come si diventa qualcuno in un settore così particolare? “12 anni fa ho appreso delle tecniche girando il mondo, ho percepito e capito le mode del momento. Quando è arrivata la moda del tatuaggio giapponese, sono andato in Giappone per approfondire la tecnica. Stesso discorso per la moda del tatuaggio Maori. Anche in quel caso, sono andato nel Borneo, in Malesia, per capire da dove nasceva una tecnica”.
E oggi? Cosa va di moda? Giuseppe Triberio non ha dubbi: questo è un periodo di transizione. “E’ un periodo strano, vanno i tatuaggi geometrici che fanno parte della new art tatoo. C’è una fusione di diversi stili, con forme triangolari, quadrati, rombi" .