Attualità Palermo

Scoperta una mummia con la malattia delle dita a ragno

Palermo - Scoperta in Sicilia nelle catacombe dei Cappuccini a Palermo la prima mummia con le tracce della malattia della "dita a ragno", che rende le dita particolarmente lunghe e affusolate e della quale si ritiene soffrissero personaggi celebri come Abramo Lincoln, Charles de Gaulle e il faraone Akhenaton. La mummia in questione, di un giovane uomo vissuto nell'Ottocento, è stata scoperta nelle catacombe di Palermo dal gruppo dell’antropologo Dario Piombino-Mascali, nell'ambito del progetto «Mummie siciliane» in corso da oltre dieci anni. I risultati delle ricerche faranno parte di una pubblicazione alla fine dell’anno.

«Dopo il caso della sindrome di Robinow rilevato nel 2010 - osserva Piombino-Mascali - questa condizione patologica aggiunge un tassello importante alle conoscenze sulle mummie siciliane». L’assessore regionale ai Beni culturali Sebastiano Tusa per parte sua rileva che «si tratta di uno studio di mummiologia tra i più rinomati al mondo che contribuisce a fornire utili dati sulla paleopatologia dei nostri antenati e ci permette di avere una visione diacronica e storicizzata della salute della popolazione della città. Può essere utile per un’anamnesi storica della popolazione odierna». E «ancora una volta - aggiunge padre Salvatore Zagone, ministro provinciale dei Cappuccini - le catacombe di Palermo si confermano un autentico scrigno di informazioni».

https://www.ragusanews.com//immagini_banner/1543747182-3-nifosi.jpg