Cronaca Ponte Morandi

Vincenzo Licata, l'agrigentino morto nel crollo del ponte di Genova

58 anni, autotrasportatore

Genova - Sono due i siciliani morti nel crollo del ponte Morandi a Genova. Una è Marta Danisi, l'altro è Vincenzo Licata. 

C'è anche un agrigentino tra le vittime del crollo del ponte Morandi di Genova. Si tratta di Vincenzo Licata, 58 anni, autotrasportatore nato a Grotte. Il nome è stato reso pubblico insieme agli altri di alcune delle vittime del disastro. Licata era sposato e padre di due figli. Viveva a Vicenza da anni, dove era titolare di una ditta di trasporti.

Cordoglio è stato espresso dal sindaco di Grotte, Alfonso Provvidenza: "Sentite condoglianze alla famiglia Licata per la perdita di Vincenzo da parte di tutta la città di Grotte e dell'amministrazione comunale".

Prima della tragedia, Licata era impegnato al lavoro ed è stato coinvolto nel crollo. I familiari, sapendo della tratta percorsa dal congiunto, hanno provato subito a mettersi in contatto con lui. Tentativi che purtroppo sono risultati vani e in mattinata nell’ospedale del capoluogo ligure, il riconoscimento della vittima.

La tragedia che si è consumata in Liguria, ha messo paura agli agrigentini. Il viadotto crollato porta lo stesso nome di quello che collega Agrigento a Porto Empedocle, chiuso per motivi di sicurezza. Il viadotto agrigentino era stato progettato dall'ingegnere Riccardo Morandi, stesso progettista di quello genovese, nello stesso periodo.

https://www.ragusanews.com//immagini_banner/1536936071-3-despar.gif