Attualità Padova

Bara con girasoli. Mille al funerale dello sciclitano Scimone

La Presidente del Senato Casellati: grave perdita per la cultura italiana

Padova - Chiesa degli Eremitani gremita da un migliaio di persone, stamani a Padova, per i funerali del maestro Claudio Scimone, il fondatore dei Solisti Veneti scomparso nei giorni scorsi all'età di 83 anni. Scimone era ogiginario di Scicli. 
In prima fila la presidente del Senato, Maria Elisabetta Alberti Casellati, con il marito Giambattista e il figlio Alvise, direttore d'orchestra. "La scomparsa del maestro è una grave perdita per la cultura italiana", ha detto all'ingresso in chiesa.
Nel corso della cerimonia, i Solisti Veneti hanno eseguito musiche di Grieg, Massenet, Bach e Albinoni. L'Ave Maria è stata eseguita dal tenore Aldo Caputo. Niente applausi, come richiesto da Scimone. Al termine della cerimonia è stato letto un messaggio del vescovo di Padova, mons. Claudio Cipolla, che si trova in visita pastorale in Brasile.