Attualità Modica

Se la Modicanità è uno stato dell'anima

una miscela di esperienza professionale, talento e genialità

Modica - Con la consegna dei quattro premi la cerimonia del “Premio alla Modicanità 2018” anche quest’anno è andata in archivio con successo di pubblico accorso numeroso ad applaudire i modicani illustri, una miscela di esperienza professionale, talento e genialità: Noemi Barrera, Tony Pellegrino, Giovanni Stracquadanio e Orazio Iacono hanno ricevuto un piatto decorato dalla vetreria d’arte Thalass di Alessandro Di Rosa. Nutrito il parterre di autorità civili e militari con i premiatori, il dirigente della Polizia di Stato di Modica, dr. Nicodemo Liotti, il Capitano dei carabinieri, Francesco Ferrante, l’assessore alla Cultura, Maria Monisteri e il Sindaco, Ignazio Abbate.

La serata, presentata dalla giornalista Caterina Gurrieri,  è iniziata con un omaggio a Salvatore Quasimodo, modicano illustre e premio Nobel per la letteratura 1959, in occasione dei cinquant’anni della scomparsa con la recitazione di una poesia – Lettera alla Madre- da parte dell’attore Marcello Sarta accompagnato dal maestro Sergio Carrubba.

La cerimonia è servita a far conoscere la vita dei premiati, grazie alle clip proiettate e alla motivazione dei premi alle quali sono seguite delle brevi ma significative interviste ad ogni premiato. Intermezzi musicali con il maestro Sergio Carrubba al pianoforte e  dell’Ensemble di Percussioni del Liceo Musicale di Modica, il musical con “La Bella e la Bestia” con la direzione della prof.ssa Elvira Mazza del Liceo Musicale di Modica e poi ancora due tornate di esibizioni di danza con i ballerini di Evgeni Stoyanov hanno completato la serata.
La foto di gruppo ha infine suggellato il momento della chiusura della manifestazione, promossa dalla Pro-Loco e dal suo presidente, Luigi Galazzo, e patrocinata dall’amministrazione comunale.
 

https://www.ragusanews.com//immagini_banner/1543747182-3-nifosi.jpg