Attualità Ragusa

Ragusa, i giovani della Beatitufl Days alla Fiera Agroalimentare

Riabilitazione

Ragusa - Un percorso di riabilitazione che passa anche attraverso l’ippoterapia. E, per ultimo, la partecipazione ad una fiera specialistica del settore.

C’è tutto questo nel percorso riabilitativo avviato dalle comunità “Beautiful Days” di Vittoria, Modica e Pedalino. Circa 40 persone, ospiti nelle comunità alloggio per disabili psichici e per anziani, hanno partecipato, nel corso dell’anno, alle lezioni di ippoterapia presso la S.E.A.J. Ranch di Comiso. I giovani hanno seguito un corso svolto dall’istruttore Luciano Burderi. Con loro, c’erano anche 5 persone ospiti delle comunità per le persone in età avanzata e, tra questi, anche un “cavaliere” di 95 anni che, nonostante tutto, non ha rinunciato al percorso a cavallo.

I giovani della Beautiful Days prenderanno parte anche alla Fiera Agroalimentare Mediterranea (F.A.M.), organizzata dalla camera di Commercio, che si svolgerà a Ragusa, presso il Foro Boario di contrada Nunziata, dal 28 al 30 settembre 2018. Durante la fiera, saranno presenti all’interno dello stand del S.E.A.J. Ranch e parteciperanno ad alcune attività: un’esperienza che arricchirà la loro conoscenza. Dopo l’inaugurazione del primo giorno, l’indomani i giovani aiuteranno nella preparazione del “Sabato equestre”, una delle manifestazioni di punta della rassegna. Metteranno così a frutto ciò che hanno imparato nel corso dell’anno: la conoscenza del cavallo, l’amore ed il rispetto per l’animale, la pulizia, poi le lezioni di equitazione (passeggiata a cavallo e, per alcuni, il trotto), tutto in sicurezza.

“Nel nostro percorso riabilitativo presso il maneggio S.E.A.J. ranch – spiega la responsabile dei progetti educativi, Annalisa Scribano – abbiamo seguito un modello di “Terapia a cavallo” che punta a sviluppare delle valenze educative, ma soprattutto a ridare fiducia, a mettere in atto le dinamiche che portano all’autovalorizzazione e all’auto-soddisfazione, al recupero della volontà di crescere e del desiderio di abbandonare atteggiamenti passivi, spesso presenti nella patologia psichica cronica. L’ippoterapia cerca di condurre i nostri ragazzi a riprendere il cammino della loro riabilitazione psichica, del loro sviluppo psico-affettivo e psico-cognitivo. Ma questi percorsi puntano soprattutto a regalare ai ragazzi straordinari momenti di spensieratezza e a stimolare il raggiungimento di altri obiettivi: essere maggiormente autonomi, prendersi cura di un altro essere vivente che è dotato a sua volta di una incredibile sensibilità aumentando così in loro l’autostima e il senso di autoefficacia”.