Appuntamenti Ragusa

Ibla Buskers va alla Giudecca

L'antico ghetto ebraico

Ragusa - Sguardi che si incrociano, occhi vispi, allegri, curiosi, che ammirano e scrutano tra le bellezze di qualcosa di nuovo, qualcosa che viene scoperto nel viaggio, il proprio viaggio da cittadini del mondo. E' questo il messaggio "politico" che viene lanciato quest'anno dal nuovo manifesto della 24esima edizione del festival "Ibla Buskers", che dal 4 al 7 ottobre trasformerà l'antico quartiere barocco di Ragusa in un luogo di incontro tra artisti e spettatori, stili artistici diversi tra loro che si mescoleranno ai mascheroni e alle numerose facciate delle chiese di Ibla. Arte, cultura, spettacolo, poesia e quell'immancabile magica atmosfera che caratterizza la manifestazione sono condensate nel manifesto realizzato da Giovanna Alberini per quello che in Italia è ormai uno dei più famosi festival dedicati all'arte di strada e che vede nell'arte il giusto strumento di unione tra le varie culture.

Nel manifesto ideato per quest'anno ci sono in primo piano due volti all'apparenza diversi per aspetto ma che proprio grazie all'arte hanno molto in comune. Un nuovo concetto di cittadino del mondo dai tratti molteplici per dare il senso di un momento di incontro senza confini e distinzioni. In un periodo pieno di egoismi e ideologie che portano solo all'esclusione e alla solitudine, l'Associazione Edrisi, da sempre organizzatrice di Ibla Buskers, ha voluto lanciare questo messaggio di scambio reciproco culturale e comune crescita. Anche la scelta dei luoghi, a cui è stata cucita su misura l'idea affettiva di questa edizione, si rifà a questo concetto di inclusione. Sarà infatti il poco noto quartiere della Giudecca a Ragusa Ibla ad ospitare il fulcro centrale dell'edizione 2018, tra i vicoli che un tempo erano le strade di uno dei quartieri ebraici di Ragusa e che ha nella chiesa Santissima Annunziata il proprio centro nevralgico. Un luogo in passato ben delimitato e che ha visto la successione di influenti culture ma che oggi è divenuto parte del tutto. Acrobati, mangiafuoco, musicisti e clown sono pronti ad invadere il quartiere della Giudecca racchiuso tra le stradine di via Orfanotrofio, largo Camerina e via Pietro Novelli e a due passi da piazza Duomo.

In questi giorni sono stati svelati i primi nomi di alcuni degli artisti che prenderanno parte alla ventiquattresima edizione di Ibla Buskers. Tanti artisti stranieri, anche loro "cittadini del mondo". Come Jenny Rombai che ad Ibla Buskers presenterà in anteprima europea il suo nuovo spettacolo "AllerJmaisRtour". Anche Flynn Neb, nato in Olanda ma, come si descrive, "un vero cittadino del mondo", presenterà un nuovo spettacolo legato soprattutto alla corda liscia, vero punto di forza dell'artista. Ibla Buskers vissuto dunque come opportunità di apertura verso il mondo e verso la scoperta anche di spettacoli insoliti. È il caso dell'artista polacca Ola Muchin che con la sua magia e ironia creerà un mondo parallelo con i suoi burattini di feltro che tanto riprenderanno nell'immaginario di tutti noi i classici pupi della tradizione siciliana ma con tanta irriverenza e simpatia in più. Ovviamente non mancherà la musica tra le arti, e anche interpreti internazionali come i Shishko Disco che si faranno apprezzare non solo per la loro goliardia ma soprattutto per le loro ballate con melodie balcaniche senza tralasciare il rock groove. Accanto a loro anche il gruppo francese, ma con intrusi italiani, Mon Coeur Balbeat formato da Maxime Oudry, Julien Crètin e Dario De Filippo. I tre artisti si esibiranno in uno spettacolo di musiche live che abbracciano i generi più disparati fra loro.
Dalla musica popolare al rock, dalla corda liscia ai burattini passando ai professionisti delle arti circensi anche quest'anno a Ibla Buskers si potrà "girare" il mondo tra le stradine e le piazze di Ragusa Ibla. La magia dell'arte circense vedrà anche numerosissimi interpreti italiani esibirsi a Ragusa Ibla. Sono proprio i dettami relativi del circo stesso che rendono variegata questa manifestazione. Spazio anche per la danza, tra gesti inconsueti e i monologhi danzati della bravissima Valentina Cortese. O come i volteggi eseguiti da Mariano Rocco con il suo attrezzo preferito, il cerchio aereo, che esprime lo sguardo cinico con cui l'artista vuole lasciarci un punto interrogativo sulla percezione delle nostre vite. Saranno invece fitte nubi di borotalco ad avvolgere il nuovo spettacolo di Lorenzo Crivellari dal titolo "Rex". Appassionato fin da piccolo al circo, Lorenzo lavora in diverse compagnie ed è ormai un affermato performer nonché giocoliere ed attore di circo. Circense fin da giovane anche un altro attesissimo artista, Marco Raparoli, che mescola le tecniche e i virtuosismi comici di un clown moderno con tanta voglia di divertirsi e di divertire soprattutto i più piccoli.
Apparizioni, sparizioni ed oggetti fluttuanti saranno invece presentati dal mago italo-argentino dai potenti poteri paranormali Diego Draghi. Il corpo e le sue capacità come espressione artistica unita ad altri linguaggi come circo e danza sono le basi dello spettacolo di Adriano Cangemi, anche lui presente a Ibla Buskers 2018 come anche Francesco Giorda, artista poliedrico e grande trascinatore con la sua comicità provocatoria e frizzante. Nei prossimi giorni verranno presentati anche gli altri artisti protagonisti della quattro giorni di spettacoli di strada che dal 4 al 7 ottobre affascinerà grandi e piccini.