Cronaca La fuitina

Licata, chi li ha visti? Padre e figlia, anzi, amanti. Lui 53 anni, lei 13

Su di lui gravava da 5 anni un mandato della polizia interazionale, accusato di sottrazione di minore e violenza sessuale.

Licata - Incredibile storia quella raccontata nella puntata del 26 settembre di "Chi l'ha visto?". Un uomo di 53 anni e una ragazza di 13 fuggono insieme dalla Germania nel 2013 per rifugiarsi a Licata, in Sicilia, spacciandosi come padre e figlia. Vivono per strada e poi vengono adottati dai cittadini licatesi che gli offrono un tetto.

Dopo 5 anni, Maria Henselmann, divenuta maggiorenne, decide di fuggire da Bernhard Manfred Haase, per tornare dalla sua famiglia a Friburgo. È a questo punto che si scopre che i due erano amanti ed erano ricercati dalla polizia internazionale da 5 anni.

Il racconto del loro incontro è ancor più assurdo: Haase è sposato ed era un politico. Svolgeva l'importante ruolo di tesoriere regionale per il partito di estrema destra dei Repubblicani. Un giorno entra in una chat per ragazzi spacciandosi per Carletto, un ragazzino 15 enne. Conosce Maria, una ragazzina di Friburgo di soli 11 anni. Iniziano a conversare e ad instaurare una relazione di fiducia, si vedono e iniziano una relazione clandestina. Quando la moglie di Haase scopre tutto, lo denuncia alla polizia senza ottenere nulla. I genitori di Maria tentano in tutti modi di porre fine alla relazione tra i due,ma il 4 maggio del 2013 la giovane scompare nel nulla.

Bernhard aveva raccontato più volte di essere fuggito con sua figlia Maria dalla Germania, rimasta orfana di madre, per fuggire dalla famiglia di lei, appartenente ad una setta religiosa. Bernhard scolge tutti i lavori che gli propongono: elettrauto, manovale, si occupa della campagna.

Quando Maria ha appena compiuto 18 anni, cerca la sua famiglia d'origine e torna a casa. La vera madre di Maria da quel 4 maggio 2013 aveva denunciato la scomparsa della figlia alla polizia, anche allo stesso programma "Chi l'ha visto?" sapendo benissimo fosse stata rapita da quell'uomo. Una settimana dopo il ritorno a casa di Maria, Bernhard viene arrestato, proprio a Licata da cui non era nemmeno fuggito. Su di lui gravava da 5 anni un mandato della polizia interazionale, accusato di sottrazione di minore e violenza sessuale.