Cronaca Acate

Il bracciante di Acate lavorava in nero ed è morto fulminato

Il titolare dell'azienda agricola è indagato per omicidio colposo

Acate - Una verità inattesa. Il bracciante agricolo morto ad Acate il 18 settembre scorso non è annegato, ma è morto fulminato. Poichè lavorava in nero, la versione reale dei fatti è stata nascosta. 

Il rumeno 26enne Marian Cosmin Baer, bracciante agricolo, non è annegato in una vasca di irrigazione ma è stato fulminato da una scarica elettrica, forse proveniente da un cavo elettrico non a norma. Dopo la morte, qualcuno lo ha buttato nella vasca per dissimulare ciò che era veramente accaduto. 

A svelare ciò che è realmente accaduto l'autopsia. Il datore di lavoro -in nero- è ora indagato per omicidio colposo. 

https://www.ragusanews.com//immagini_banner/1543747182-3-nifosi.jpg