Giudiziaria Modica

Il modicano Di Rosa condannato a risarcire Asp Pa per 275 mila euro

Rimborsi chilometrici non dovuti

Modica - I giudici d'appello della Corte dei conti hanno condannato Giorgio Di Rosa, presidente dell'Aias, a risarcire l'Asp 6 di Palermo di 275mila euro per aver distratto somme dell'associazione che si occupa di assistenza disabili in favore dei familiari. In primo grado il presidente era stato condannato a pagare 578mila euro.

La procura della Corte dei Conti aveva contestato 333mila euro per rimborsi chilometrici non dovuti: il presidente si spostava da Modica a Palermo; spese per alberghi e ristoranti per 30mila euro presso il San Paolo Palace Hotel di Palermo, pagando soggiorni per lui, il figlio, la moglie e i cognati con assegni a sua firma tratti sul conto corrente dell'Aias; spese per parcelle di avvocati per 3mila euro; per incarico professionale esterno affidato al figlio Antonio per 60mila euro, oltre alle spese per rimborso viaggi, per un totale di 152mila euro.

Infine la Procura ha contestato a Di Rosa quanto pagato dall'Aias a titolo di compensi per l'attività svolta a favore dell'associazione del figlio a cui il Consiglio direttivo dell'Aias aveva conferito l'incarico di consulente informatico per un importo mensile di mille euro, oltre rimborso spese per vitto, alloggio e rimborso chilometrico di 0.50 euro al chilometro. L'incarico sarebbe stato dato senza le necessarie competenze."Dalle dichiarazioni di Bruno Gestivo e Agostino Andolina, incaricati di realizzare un software per l'Aias - si legge nella sentenza - sentiti sui fatti di causa nel corso delle indagini portate avanti in sede penale, avrebbero riferito che Antonio Di Rosa fosse privo di competenze informatiche, si recasse al lavoro per poche ore al giorno e che, di fatto, non avesse alcun ruolo all'interno dell'Aias. Antonio Di Rosa era in quel periodo dipendente della società Katane Handling srl con sede a Catania, presso l'aeroporto Fontanarossa".

Parte delle somme richieste dalla procura in primo grado sono andate prescritte e così la somma da restituire all'Asp si è pressoché dimezzata. "Giorgio Di Rosa aveva di fatto il monopolio della gestione dell'associazione; come hanno riferito i consiglieri sentiti dalla Guardia di finanza", si legge nella sentenza.