Attualità Comiso

Comiso, la bretella non è completa

Gli altri lotti ancora da finanziare

Comiso - L'apertura della bretella di collegamento dalla S.S.514 Ragusa-Catania all'aeroporto di Comiso fa da apripista per tutti i collegamenti a supporto dello scalo 'Pio La Torre'. Il progetto complessivo prevede 6 lotti per una spesa di 120 milioni di euro, la bretella inaugurata ieri dal presidente della Regione siciliana è il primo lotto realizzato grazie ai fondi ex Insicem per una spesa complessiva di 12 milioni di euro e aggiudicata per 4 milioni e 683 mila euro. Sono stati invece finanziati con i fondi Pac i lotti 3 e 6 per una spesa di 31 milioni e 150 mila euro, la cui gara d'appalto è prevista per il prossimo 9 novembre presso l'Urega di Ragusa. I due lotti riguardano, uno la realizzazione del collegamento dall'aeroporto di Comiso alla s.p. 4 Comiso-Grammichele e l'altro la realizzazione delle opere idrauliche con i lavori di adeguamento del canale a margine dell'aeroporto di Comiso, lungo la strada provinciale n. 5, per evitare l'allagamento della pista aeroportuale in caso di avverse condizioni meteorologiche.

Gli altri lotti ancora da finanziare riguardano il collegamento all'autoporto di Vittoria con la S.S. 115, il collegamento dell'aeroporto in direzione Nord con la S.S. 514 (attualmente si utilizza la s.p. 7 Comiso-Chiaramonte e la s.p. 82 Mortilla-Serravalle) e lo svincolo per l'aeroporto. Per questi tre lotti è prevista una spesa di circa 70 milioni di euro.
Ieri durante la visita del presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci, il Commissario Piazza ha ribadito al governatore che l'Ente ha la progettazione definitiva per completare gli altri lotti dei collegamenti viari a supporto dell'aeroporto di Comiso.
"La Provincia di Ragusa - dice Piazza - può vantarsi di avere già la progettazione pronta di questi collegamenti, frutto della lungimiranza di amministratori che hanno pensato in tempo all'infrastrutturazione del territorio. Ho ribadito al presidente Musumeci che possiamo completare un'opera imponente e strategica per tutto il territorio ibleo. Un'opera che merita di essere completata e pertanto ho rimesso al presidente questa aspettativa affinché il suo Governo possa assumere questo impegno così importante ed oneroso al tempo stesso".