Appuntamenti Ragusa

Ultima Sicilia, in mostra a Ragusa

Le fotografie storiche di Giovanni Chiaramonte in mostra da Soquadro

 Ragusa - Sarà inaugurata sabato 24 novembre, alle ore 18.30, presso i locali della galleria d’arte Soquadro, a Ragusa in via Napoleone Colajanni 9/11, la mostra fotografica Ultima Sicilia, di Giovanni Chiaramonte. Un progetto itinerante studiato dalle gallerie Lo Magno e Soquadro di Modica e Ragusa,  in collaborazione con la Galleria Fotografica Luigi Ghirri. La mostra, fortemente voluta dall’artista Giovanni Iudice e dal direttore del Polo Museale di Gela Ennio Turco, prima dell’esposizione ragusana è stata inaugurata presso il museo archeologico di Gela, città di origine della famiglia dell’artista. In esposizione le prime immagini scattate dal fotografo Giovanni Chiaramonte, lombardo di nascita ma gelese di origine, che proprio a quella città di cui si sente figlio nel sangue ha voluto dedicare una mostra che è summa di una carriera decennale, e della quale ripercorre nel bianco e nero delle immagini proprio i primi passi. Una Sicilia antica, ritratta dall'artista quando da giovane si avvicinò per le prime volte alla fotografia, scegliendo come soggetti le strade e le persone della “sua" città: il risultato è un racconto per immagini di un  tempo e di un sentire antichi, ma non per questo dimenticati.

Un omaggio che l’artista vuole regalare non solo alla città dove hanno origine le sue radici familiari, ma ad un intero complesso sociale e cittadino che sotto la lente delle sue prime macchine fotografiche ha vissuto il più significativo dei suoi cambiamenti: ecco allora che tra le 45 immagini esposte figurano gli anni Settanta della nascita del petrolchimico di Gela, che con la forza del lavoro cambia il volto della città da centro agricolo a centro industriale, portando mutamenti e speranze tra gli abitanti. Sono gli anni che segnano il mutamento della città e della Sicilia, ma sono anche anni in cui una Sicilia ancora ancestrale si lascia raccontare, senza giudizio ma con grande sensibilità, dall’occhio dell’artista che testimonia la realtà. Una realtà di impegno, di sacrifici, di migrazioni che coinvolgono lo stesso Chiaramonte, la cui famiglia si spostò in Lombardia per lavoro; ma una realtà fatta anche di mutamenti e di tradizioni, di volti e di quotidianità, di paesaggi e di persone. "Quella che emerge dagli scatti - commenta la gallerista Susanna Occhipinti - è la dolcezza dello sguardo dell'artista, che in quegli anni giovanili tornò in Sicilia. Questa delicatezza si posa sui vicoli e le strade non solo della sua città, ma anche di altri centri della Sicilia Sud Orientale, come Ragusa e Licata, la cui quotidianità si fa protagonista degli scatti, negli sguardi dei bambini che giocavano in strada, nelle espressioni della gente comune". La mostra gode del sostegno di Unconventional Fuel Gibi.

GIOVANNI CHIARAMONTE
Giovanni Chiaramonte nasce nel 1948 a Varese. La sua opera ha come tema principale il rapporto tra luogo e destino nella civiltà occidentale ed è stata esposta al Gropius Bau di Berlino, al Deutsches Architekturmuseum di Francoforte, al Museo di Arte Moderna di Caracas, alla Biennale di Venezia, alla Triennale di Milano, al CCA di Montréal, alla galleria del Hunter College di New York, all’Expo di Shangai.
Tra le sue opere: Giardini e paesaggi, 1983, Terra del ritorno, 1989, Penisola delle figure, 1993, Westwards, 1996, Milano. Cerchi della città di mezzo, 2000, In corso d’opera, 2000,Pellegrinaggi occidentali, 2000, Frammenti dalla Rocca, 2002, Abitare il mondo. EuropE, 2004, Berlin. Figure, 2004, Attraverso la pianura, 2005, Senza foce, 2005, Come un enigma_Venezia, 2006, Nascosto in prospettiva, 2007, In Berlin, 2009, L’altro_Nei volti nei luoghi, 2010-2011, E.I.A.E., 2012, Via Fausta, 2012. Interno perduto, 2012,Inscape_Piccola creazione, 2012, Jerusalem_Figure della promessa, 2014, A medida do Ocidente, con A. Siza, 2015, The Evolving European City, 2015, Ultima Sicilia, 2016.
Chiaramonte ha fondato e diretto collane di Fotografia per Jaca Book, Federico Motta Editore, S.E.I., Edizioni della Meridiana, Ultreya/Itaca. Tra i suoi contributi critici: Luogo e identità nellaFotografia Europea Contemporanea e Nuova Fotografia Inglese 1983, Paolo Monti 1985, Ikko Narahara 1993, Luigi Ghirri 1997, Andrej Tarkovskij 2002, Mario Carrieri 2004,Robert Adams 2008, Joel Meyerowitz 2013.
Insegna Storia e Teoria della Fotografia allo IULM e all’Accademia NABA di Milano.
Per Postcart ha appena pubblicato il volume “Salvare l’ora”.

https://www.ragusanews.com//immagini_banner/1543747182-3-nifosi.jpg