Attualità Palermo

Il concorso all'Ars risponde a criteri di trasparenza?

Lavoro sartoriale

Palermo - Il concorso è stato appena bandito per 11 consiglieri parlamentari dell'Assemblea regionale siciliana. 

"I candidati devono avere un'età non inferiore ai diciotto anni". Ma dovranno essere laureati. Per l'ammissione al concorso, infatti, "è necessario essere in possesso di uno dei seguenti titoli di studio, conseguito con una votazione pari a 105/110": diploma di laurea, ovvero laurea specialistica o magistrale. Insomma, probabilmente l'Ars si attende tra i partecipanti un piccolo genio che si sia già laureato a 18 anni. 

Inoltre, non sono molte le lauree elencate per poter partecipare al bando: giurisprudenza, scienze politiche, economia e commercio, scienze statistiche e attuariali. Manca Lettere e filosofia. Sempre presente tra i titoli di studio dei concorsi per il Parlamento, sia regionale sia nazionale, la laurea in lettere è invece esclusa questa volta. 

Qualche dubbio anche sull'indicazione del voto minimo di laurea, 105/110. E se uno ha preso 107?

E però le stranezze del bando non finiscono qui. Sempre sull'età, ecco cosa dice ancora il bando dell'Ars: "I candidati devono avere un'età non superiore al compimento di quarantuno anni". Vale a dire: puoi averne 40 e 11 mesi, ma non 41 e un giorno. Un'indicazione molto precisa e, fanno notare in molti, inusuale. 

https://www.ragusanews.com//immagini_banner/1543747182-3-nifosi.jpg