Attualità Modica

Musumeci e Pattavina, che goduria a Modica

Con Riccardo Maria Tarci

Modica - Inizia con un doppio sold out la nuova stagione teatrale proposta dalla Fondazione Teatro Garibaldi di Modica. C’era grandissima attesa per la messa in scena di “Filippo Mancuso e Don Lollò”, il primo spettacolo di prosa della stagione 2018-2019, al punto tale che è stato immediatamente necessario riprogrammare una replica essendo andati esauriti tutti i posti della data ufficiale programmata per venerdì scorso. E il “tutto esaurito” si è registrato ieri sera, sabato, anche per la replica. Motivo dunque di doppia soddisfazione per il direttore artistico Giovanni Cultrera e per il sovrintendente Tonino Cannata, forti anche dell’incremento del numero di abbonamenti della prosa già ottenuto nelle scorse settimane, a testimonianza di una stagione che piace al pubblico. In scena, per questo primo spettacolo, due grandi nomi del teatro siciliano e italiano, Pippo Pattavina e Tuccio Musumeci, protagonisti del testo minuziosamente curato da Andrea Camilleri e Giuseppe Dipasquale.

La commedia “Filippo Mancuso e Don Lollò” ha divertito i numerosissimi spettatori in sala che ne hanno apprezzato fin dalle prime battute l’originalità dei temi trattati e l’immedesimazione e l’improvvisazione degli attori. Il testo di questa commedia di situazione deve la sua genesi proprio alla bravura di improvvisazione dei due attori catanesi che, interpretando gli stessi personaggi nella rappresentazione dell’opera “La concessione del telefono”, hanno convinto il grandissimo Andrea Camilleri, insieme a Giuseppe Dipasquale, a scrivere questa commedia su misura per loro. Accanto alla storia del Cavalier Filippo Mancuso, di suo figlio Alberto, di Don Lollò e di sua figlia Lillina si snoda la realtà siciliana fatta di stereotipi folkloristici. Pur essendo una commedia leggera e divertente ed ambientata nel secolo precedente, gli attenti osservatori avranno sicuramente notato una critica al mondo del lavoro clientelare e connivente con le situazioni illecite.

Bravissimi anche tutti gli altri attori sul palco: Franz Cantalupo, Lorenza Denaro, Luciano Fioretto, Margherita Mignemi, Riccardo Maria Tarci. Due giorni di successi che premiano tutti gli sforzi organizzativi profusi nella preparazione del cartellone di prosa 2018/2019, presentato ufficialmente alla presenza del sindaco di Modica, Ignazio Abbate, che è anche presidente della Fondazione Teatro Garibaldi, del neo vicepresidente avv. Giorgio Rizza e dei rappresentanti degli sponsor ormai storici, Conad, Gruppo Minardo, Gruppo Zaccaria, Santa Maria, Banca Agricola Popolare di Ragusa e il nuovo sponsor Avimecc. A suggellare questo momento, l’illuminazione di blu della facciata esterna del Teatro Garibaldi. La stagione di prosa tornerà protagonista domenica prossima 9 dicembre quando, a salire sul palco sarà la famosa Amanda Sandrelli accanto a Alex Cendron per la rappresentazione teatrale de “La Locandiera” di Carlo Goldoni. Per info è possibile consultare i canali social della Fondazione Teatro Garibaldi di Modica (facebook e instagram) o il sito internet www.fondazioneteatrogaribaldi.it o telefonare al 0932/946991.

https://www.ragusanews.com//immagini_banner/1543747182-3-nifosi.jpg