Attualità Ragusa

Roberto Speranza a Ragusa: si parte dai territori

Costruire a sinistra

  • https://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=https://www.ragusanews.com//immagini_articoli/02-12-2018/1543746577-1-roberto-speranza-ragusa-parte-territori.jpg&size=1042x500c0
  • https://www.ragusanews.com//immagini_articoli/02-12-2018/roberto-speranza-ragusa-parte-territori-100.jpg
  • https://www.ragusanews.com//immagini_articoli/02-12-2018/1543746577-1-roberto-speranza-ragusa-parte-territori.jpg

 Erano in tantissimi i partecipanti che hanno affollato la sede di Art. 1 Mdp di Ragusa. Sono arrivati da tutti i comuni della provincia per ascoltare il Coordinatore Nazionale del Movimento, on.le Roberto Speranza, accompagnato dal sen. Gianni Battaglia, coordinatore prov.le, dal neo eletto al coordinamento regionale, on.le Giuseppe Zappulla e dal responsabile regionale dell’organizzazione, Domenico Siracusano.

Gianni Battaglia, dopo avere ringraziato Speranza, per avere raccolto con entusiasmo l’invito a venire a Ragusa, nella sua introduzione ha tracciato il percorso che in questi ultimi mesi ha caratterizzato l’impegno del Movimento nella scena politica nazionale. C’è stata qualche valutazione critica sulle scelte finora compiute e al rapporto che c’è stato con i territori. Dopodiché, «si guarda al futuro del Movimento che vuole diventare un partito di sinistra capace di intercettare i veri bisogni della gente.» ed ancora mutuando le parole delle tesi che verranno discusse il prossimo 16 dicembre a Roma - «Siamo in campo perché vogliamo dare il nostro contributo per ricostruire e cambiare la sinistra e realizzare un’alternativa plurale e credibile alle destre. Vogliamo essere una forza di combattimento, partigiana e con uno spiccato carattere laburista, che sceglie con chiarezza di stare dalla parte del mondo del lavoro e degli esclusi per ridurre le diseguaglianze. Questo nuovo partito, infatti, deve rimettere al centro della sua azione la dignità del lavoro, il buon funzionamento della sanità e della scuola pubblica, il valore della progressività fiscale, la «questione meridionale», una nuova sensibilità ambientalista e femminista. Questo nuovo soggetto politico deve essere autonomo, ma non autosufficiente e pregiudizialmente contrapposto alle altre forze progressiste con cui deve rimanere aperto il confronto, nelle differenze, per promuovere, in discontinuità con il passato, una reale alternativa alle destre e al populismo. Questa è la nostra ambizione e la nostra funzione.»

La relazione di apertura e le conclusioni dell’on.le Speranza hanno riacceso nei presenti fiducia che, in questi mesi, era alquanto assopita.

«La verità politica è che siamo stati respinti dalle periferie sociali, urbane, territoriali dell’Italia tanto che il voto al Partito democratico, a Liberi e Uguali e a Potere al Popolo, al di là delle ovvie differenze quantitative, ha permesso di riscontrare una comune e trasversale composizione sociologica che ha portato tali forze, naturalmente in modo proporzionale, ad attingere allo stesso bacino di voti: nel centro città più che nelle periferie urbane, nelle aree metropolitane più che in quelle rurali e nei centri minori, nella media borghesia più che negli strati popolari, tra i ceti maggiormente istruiti e scolarizzati più che tra quelli che lo sono meno.

Per noi è ineludibile ripartire da questa consapevolezza, assumendo tre presupposti fondamentali: anzitutto, è necessario produrre un progetto nuovo e plurale, di tipo costituente, che provi a interpretare la fase politica, culturale, civile e sociale dell’Italia di oggi per comprendere le speranze, interpretare gli interessi e rispondere ai bisogni attuali dei suoi cittadini. In secondo luogo, non bisogna chiudersi in un recinto autoreferenziale, di tipo organizzativo o dottrinario; occorre, invece, aprirsi e dialogare con gli altri compagni sconfitti di questa dura fase politica, anche se avversari o concorrenziali, di sinistra e di centrosinistra. Infine, bisogna individuare nuove personalità, vecchie o giovani anagraficamente poco importa, che diano, però, il segno visibile di una discontinuità con il passato.» Molti altri temi sono stati toccati: un nuovo modo di vivere l’Unione Europea, l’ambiente, la questione meridionale dentro quella europea, libertà e sicurezza, ripensare la differenza di genere e soprattutto il ,lavoro.

«A questo nuovo progetto vogliamo dedicare tutte le nostre migliori energie: l’uguaglianza serve per essere più liberi; la libertà è necessaria per essere più uguali; un nuovo pensiero democratico, ecologista e socialista è indispensabile per salvare la società e gli equilibri del pianeta. O la sinistra è questo oppure, semplicemente, non è più: perciò è giunto il tempo di riprendere il cammino.» questi alcuni passaggi degli interventi di Speranza. Il Coordinatore nazionale, nelle sue conclusioni, ha fatto autocritica per alcune scelte che hanno determinato ritardi nella costruzione del nuovo soggetto di sinistra.

Al dibattito, che è stato di alto livello, hanno partecipato molte compagne e molti compagni che hanno affrontato i temi contenuti nelle tesi. Sono intervenuti il coordinatore regionale Zappulla e il responsabile dell’organizzazione Siracusano che hanno ricordato i prossimi appuntamenti regionali e, in particolare, la prossima conferenza programmatica che si terrà in Sicilia per struttura il nuovo soggetto politico.

https://www.ragusanews.com//immagini_banner/1544115383-3-peugeot-ecobonus.jpg

Molti altri contribuiti hanno arricchito il dibattito sottolineando la necessità di ritornare a parlare alla gente e riappropriarsi del ruolo della sinistra. Infine, l’assemblea ha deciso di adottare un documento di solidarietà nei confronti della giovane mamma eritrea Malat che nei giorni scorsi è stata vittima di una vergognosa intolleranza. Infatti, l’on.le Speranza presenterà in parlamento un ordine del giorno sulla triste vicenda che ha macchiato la comunità ragusana, da sempre accogliente e solidale.

https://www.ragusanews.com//immagini_banner/1543747182-3-nifosi.jpg