Mangiare sano

I nemici del colon a tavola

Il colon diventa irritabile in ragione di alcuni cibi: dolci, pane, carni grasse, alcol, bevande gassate. Tutti nemici del colon

Chi sono i nemici del colon? Molte persone soffrono di colon irritabile, un disturbo molto serio che penalizza la nostra capacità di stare in compagnia, creando una forma di disabilità e disagio. Per ovviare alla forza invalidante del colon irritabile serve attingere a una alimentazione sana. 

Ma chi sono i nemici del colon irritabile?

I nemici del colon a tavola sono l'eccesso di prodotti a base di farine bianche e dolciumi: favoriscono infatti la presenza dell'intestino dei batteri dell'obesità e producono fermentazioni.

Bisogna inoltre scegliere cibi integrali limitando gli alimenti dolci. Altri nemici giurati del colon sono i grassi animali, le carni grasse, gli insaccati, il burro e il formaggio grasso. Fanno aumentare i Firmicuti a scapito di batteri più utili per la salute. Sono da prediligere i lipidi contenuti nel pesce e nei semi oleosi.

Gli alimenti confezionati: spesso troppo poveri di fibre. Meglio preferire quando possibile gli omologhi cibi freschi. Bibite gassate: allargano a dismisura il girovita. Bevande alcoliche: dannose per il microbiota e le cellule dell'organismo. Ammesso solo qualche bicchiere di vino o di birra qualche volta settimana. Sale e cibi troppo sapidi: il sale richiama acqua nelle cellule e gonfia i tessuti. Si formano ritenzione e gonfiori e, nel tempo i tessuti malnutriti e mal ossigenati si riempiono di grasso. Fra i cibi contengono più sale c'è il pane.

 Libera l'intestino dalle tossine che ingabbiano aria e grassi

Per ridurre gli accumuli di adipe addominale, bisogna trovare la combinazione efficace di cibi che riequilibrino la flora batterica. La causa del sovrappeso può risiedere nell'intestino, spesso maltrattato da intolleranze ignorate, diete ricche di grassi e zuccheri, additivi alimentari. Se l'intestino lavora male, l'organismo non riesce a depurarsi come dovrebbe. Da qui i gonfiori che allargano il girovita, mentre il metabolismo rallenta. 

https://www.ragusanews.com//immagini_banner/1565770570-3-birrocco.gif

Pancia sgonfia? Se l'intestino lavora bene

La pancia si sgonfia solo quando l'intestino riesce a lavorare con serenità. Una dieta sbilanciata fa sì che i fluidi corporei, anzichè essere smaltiti, si accumulino nei tessuti adiposi, nell'addome, diventando turgidi e poco tonici. Lo stomaco gonfia quando si mangia di fretta o si mangiano cibi "gonfiati", come le mousse e i gelati. Una dieta non adeguata e una flora batterica non in perfetta forma, provocano fermentazione, gas, mentre le fibre si diradano.

I batteri nemici del peso forma

Un intestino in cattivo stato e un microbiota dominato da batteri Firmicutes, abilissimi a scomporre gli alimenti che arrivano nel colon ancora indigeriti, fanno sì che diminuiscano gli scarti e si assimili di più. I Firmicutes si nutrono di zuccheri e di grassi, diventano sempre più numerosi più noi ne consumiamo. 

Chi mangia frutta e verdura, invece, può contare su un microbiota più vario, ben fornito di Batteroidi, che proteggono la mucosa intestinale, limitano l'assorbimento calorico, favorendo un fisico normopeso. 

Cosa è consigliato mangiare?

Per far crescere la popolazione dimagrante dei Batteroidi bisogna aumentare l'apporto di vegetali, e alimenti probiotici (kefir, miso tempeh, formaggi fermentati come lo skyr) che inviano truppe alleate dell'intestino fatte da Lattobacilli e Bifidobatteri. In pochi giorni i vostri gonfiori spariranno. 

https://www.ragusanews.com//immagini_banner/1565770272-3-riviera-cafiso.gif