Appuntamenti Comiso

Comiso, mostra omaggio a Gesualdo Spampinato

Collettiva di artisti a Palazzo Labisi, aperto per la prima volta

Comiso - Omaggio a Gesualdo Spampinato. Dieci artisti espongono a Comiso per ricordare l’artista e docente comisano, scomparso nel luglio scorso.

La collettiva di artisti è stata organizzata dall’associazione “Arteinsieme” e si terrà a Palazzo Labisi, dimora signorile dell’Ottocento, che è stata restaurata alcuni anni fa e che oggi è di proprietà dell’Istituto Autonomo Case Popolari. L’edificio, inutilizzato da 25 anni, viene per la prima volta aperto al pubblico: una location d’eccezione per ospitare una mostra di alto livello culturale.

Il vernissage è fissato per domenica 23 dicembre 2018, alle ore 17,30. La mostra resterà aperta fino al 31 gennaio, tutti i giorni dalle 17,30 alle 20,30.

A Palazzo Labisi espongono Gino Baglieri, Arturo Barbante, Salvo Barone, Salvo Caruso, Giorgio Chessari, Salvatore Difranco, Francesco Iacono, Giovanni Emanuele La Lota, Marcello Nativo, Fabio Romano. Nove artisti saranno ospitati nelle stanze nel “piano nobile”, nei bassi del palazzo ci sarà l’installazione di Giorgio Chessari, fotografo paesaggista, con fotoquadri (stampe su sottili fogli di alluminio) dal titolo “I Giganti della Terra – Il risveglio degli alberi sonanti”. Un posto a parte merita l’esposizione delle opere di Gesualdo Spampinato, cui la mostra è dedicata. Spampinato fu tra i fondatori del Collettivo BAI, composto da dieci giovani artisti, che aprirono le prime botteghe a Comiso negli anni ’70.

“Con questa mostra – spiega il presidente di Arteinsieme, Marcello Nativo – vogliamo rendere omaggio ad un grande artista di Comiso e ad un grande docente, che ha formato e guidato generazioni di artisti, a sei mesi dalla scomparsa. Arteinsieme è nata per questo: vuole essere motore culturale della città e, negli ultimi mesi, abbiamo voluto ricordare, con altrettante mostre, alcuni artisti recentemente scomparsi: e Luigi Rabbito, Francesco Giombarresi, Luigi Campo, Francesco Cassarino”.

La mostra omaggio a lui dedicata non esaurirà il progetto culturale che si svilupperà all’interno di Palazzo Labisi. “Durante questo mese – continua Nativo – organizzeremo vari eventi culturali, momenti artistici e presentazioni di libri. Ci sarà anche un’iniziativa in occasione della “Giornata della Memoria”. Abbiamo voluto fortemente realizzare tutto questo a Palazzo Labisi, un palazzo simbolo della borghesia cittadina che ha svolto un ruolo importante nel secolo scorso: una location prestigiosa che, per la prima volta, apre le sue porte alla città e siamo onorati di poterlo fare con una mostra omaggio ad un grande concittadino”.

Ad allietare la serata l’esibizione dell’Ensemble del liceo musicale Bufalino di Comiso, con 5 docenti e 11 studenti, coordinato da Sharveen Maganuco. L’Ensemble eseguirà alcuni brani natalizi, tra cui Happy Day, Feliz Navidad e Happy Christmas di John Lennon. Il pianista Fabrizio Arestia ed il baritono Adriano Gulino proporranno “Non più andrai” (tratto da “Il Flauto Magico” di Mozart) e “Ave Maria” di Caccini. Ad arricchire la serata ci sarà anche uno show coking, organizzato da docenti e studenti dell’Istituto Alberghiero “Gesualdo Bufalino”, gestito dal Cerm, che si trova all’aeroporto di Comiso.

https://www.ragusanews.com//immagini_banner/1562927349-3-toys-in.jpg

La mostra, patrocinata dal comune, è stata organizzata con il sostegno di Amplifon (main sponsor), Iacp, Logos, Siculìa, Cerm, Selection.

https://www.ragusanews.com//immagini_banner/1562774787-3-riviera.gif