Cronaca Roma

Mamma si suicida nel Tevere, con due gemelle di sei mesi

Il corpo della madre è stato ritrovato, i sommozzatori sono alla ricerca di quelli dei piccoli

Roma - Tragedia a Roma. Una giovane mamma si è lanciata sul Tevere coi due gemelle di sei mesi. Sono morti tutti e tre. Il terribile gesto all'altezza di ponte Testaccio. 

Il corpo della madre è stato ritrovato, i sommozzatori sono alla ricerca di quelli dei piccoli. Lei aveva 38 anni. 

A dare l'allarme, intorno alle sei del mattino, è stata la Polizia Locale e sul posto sono arrivati subito la Polizia e Vigili del Fuoco con le squadre dei sommozzatori. La donna è italiana ed ha 38 anni ed è stata ripescata morta intorno alle 11:20, a circa due chilometri di distanza dal punto in cui è caduta in acqua.

Soffriva di depressione post partum, e lavorava in uno studio notarile. A dare l'allarme è stato il marito. Si spera che la donna abbia lasciato le bimbe da qualche parte prima di togliersi la vita. Una telecamera della zona avrebbe immortalato la donna mentre passava con le due bambine avvolte in una coperta.

Antonella, una vicina di casa della giovane mamma, ha detto di essersi svegliata intorno alle 6 per le urla del marito: «Ho sentito urlare e piangere così ho aperto la porta. Erano le 6 circa. Il marito tra le lacrime ripeteva 'le bambine, le bambine. Mia moglie è sparita con loro'». «In casa con loro c'erano anche i nonni per dare una mano con le bimbe - aggiunge - è una tragedia enorme».

I vicini raccontano che la coppia viveva nello stabile di Testaccio da luglio dove si erano trasferiti per il parto delle bimbe, nate premature. «È uscita con le bambine in braccio. Le carrozzine sono rimaste qui», ha aggiunto Gabriella, un'altra vicina di casa della donna. «L'ho vista tre giorni fa quando aveva riportato a casa la seconda bimba - ricorda - L'altra era stata dimessa a novembre. Sembrava tranquilla».