Cronaca Catania

La bara, con una donna morta, tra le bancarelle della fiera. FOTO

Il carro funebre non ha potuto raggiungere la casa della defunta perché osteggiato dalla bancarelle degli ambulanti

  • https://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=https://www.ragusanews.com//immagini_articoli/22-12-2018/1545509820-1-bara-donna-morta-bancarelle-fiera.jpg&size=667x500c0
  • https://www.ragusanews.com//immagini_articoli/22-12-2018/bara-donna-morta-bancarelle-fiera-100.jpg
  • https://www.ragusanews.com//immagini_articoli/22-12-2018/1545509820-1-bara-donna-morta-bancarelle-fiera.jpg

Catania - Viale Teocrito a Catania, la strada della fiera. La bara con il feretro di una donna sfila, come neanche un film horror potrebbe proporre, per le strade del centro storico mentre il rito degli acquisti low cost si perpetua nell'indifferenza di venditori, banditori e acquirenti. 

I fatti. Stamani il carro funebre non ha potuto raggiungere l'ingresso della casa della donna. Allora, si è deciso che a bara col feretro venisse trasportata lungo il dedalo di bancarelle fino a raggiungere essa stessa il carro funebre. Da una bancarella si udiva intanto il canto di un classico napoletano di Nino D'Angelo, amplificato da un mangianastri o forse da un Iphone. La scena non passava inosservata ai residenti, che, armati di cellulare, fotografavano la pietosa e umiliante scena. 

Loro, come la donna morta, sono ostaggio della fiera. Della vanità e dello squallore. 

https://www.ragusanews.com//immagini_banner/1562774787-3-riviera.gif