Attualità Vittoria

In pubblicazione oggi il bando per i box al mercato ortofrutticolo

Un atto di legalità

Vittoria - E' in pubblicazione oggi il il bando per l'assegnazione in concessione dei box del Mercato ortofrutticolo di Vittoria. Sarà pubblicato oggi 2sulla gazzetta ufficiale della repubblica italiana e su quella dell’Unione europea, oltre che su due quotidiani a diffusione nazionale e su due a diffusione locale, sulla piattaforma ANAC, l’Autorità nazionale anticorruzione, sull’Albo pretorio e sul sito internet del Comune di Vittoria. Il testo, concordato con l'ANAC – fa sapere l’amministrazione prefettizia che governa il Comune - prevede che siano messi a bando, per la durata di sette anni (prorogabili per altri tre) tutti e 74 i box della struttura mercatale.

Sono ammessi a partecipare produttori ortofrutticoli singoli o associati ovvero organizzazioni di produttori; commercianti all'ingrosso di prodotti ortofrutticoli; consorzi e cooperative di commercianti di prodotti ortofrutticoli; enti di sviluppo, consorzi e cooperative di produttori ortofrutticoli; commissionari, mandatari o astatori.

Ai fini della redazione della graduatoria per la concessione dei posteggi sono adottati i seguenti criteri e sotto-criteri di valutazione: anzianità commerciale, dimensione aziendale in termini di patrimonio netto, anzianità di presenza presso un Mercato alla produzione e all’ingrosso dei prodotti ortofrutticoli avente dimensione e consistenza non inferiore a quello di Vittoria, dimensione aziendale in termini di volume d’affari, progetto di sviluppo commerciale d’impresa, certificazioni di qualità posseduta dall'impresa, personale impiegato, proposta di soluzione di qualità in materia ambientale, sociale e del lavoro. La concessione sarà revocata in caso di applicazione di misura cautelare o rinvio a giudizio per alcuni reati a carico del titolare o di un componente la compagine sociale.

L'assegnazione sarà curata da una commissione nominata dal dirigente della Direzione Sviluppo economico del Comune; sarà presieduta da un consigliere di Stato o da un magistrato in quiescenza o da un prefetto, e da due componenti, scelti fra dirigenti della Pubblica Amministrazione, docenti e professionisti, aventi competenze nella normativa e nella regolamentazione dei mercati agroalimentari all'ingrosso.