Cultura Palazzolo Acreide

Un calendario sulla Sicilia moderna e contemporanea

Le foto di Salvo Alibrio

  • https://www.ragusanews.com//immagini_articoli/19-01-2019/1547908592-calendario-sicilia-moderna-contemporanea-1-500.jpg
  • https://www.ragusanews.com//immagini_articoli/19-01-2019/1547908633-calendario-sicilia-moderna-contemporanea-1-500.jpg
  • https://www.ragusanews.com//immagini_articoli/19-01-2019/1547908754-calendario-sicilia-moderna-contemporanea-1-500.jpg
  • https://www.ragusanews.com//immagini_articoli/19-01-2019/calendario-sicilia-moderna-contemporanea-100.jpg
  • https://www.ragusanews.com//immagini_articoli/19-01-2019/1547908592-calendario-sicilia-moderna-contemporanea-1-240.jpg
  • https://www.ragusanews.com//immagini_articoli/19-01-2019/1547908633-calendario-sicilia-moderna-contemporanea-1-240.jpg
  • https://www.ragusanews.com//immagini_articoli/19-01-2019/1547908754-calendario-sicilia-moderna-contemporanea-1-240.jpg

Palazzolo Acreide - Dodici scatti, dodici racconti, dodici visioni sono raccolti in un progetto fotografico che ha dato vita al calendario 2019 di Boom Studio. #Thinkglobal#liveauthentic. Pensa globale vivi autentico. E così sfogliando i mesi si ha a gennaio #socialetwork con alcuni anziani che giocano a carte. A marzo #stylist con una foto di un barbiere con i suoi strumenti antichi. A settembre #followers con le donne in viaggio scalzo per un santo. 

Boom Studio è un progetto di comunicazione nato a Palazzolo Acreide per iniziativa di tre giovani. Salvo Alibrio ha scattato le foto, Paolo Sant’Anastasio e Marco Palazzolo hanno curato il progetto grafico. Per ogni mese un hashtag e l'interpretazione di quell'hashtag. Inattesa, spiazzante. 

Sara Curcio Raiti ha scritto il testo per questo lavoro: “Per accedere simultaneamente ad altri mondi  ad altre vite ed essere tutti contemporaneamente connessi, per ritrovarci in un linguaggio universalmente compreso”. Da qui racconta il vivere smart, seguire il trend ed essere social. “Ci incontriamo online – aggiunge -, ci presentiamo con un selfie e con tutti i WhatsApp che scambiamo, avremmo già scritto un paio di romanzi ciascuno”. La domanda che si pone è se un hashtag può descrivere ciò che siamo realmente. E su la Sicilia che ci si concentra. Per quanto si provi a stare al passo con un nuovo modo di descrivere le cose e intendere il mondo, dice ancora, la sua anima bella e ancestrale sfugge agli stereotipi. Ma c’è qualcosa di unico che resta tale, immutabile ed eterno.Ed è quello che i dodici scatt raccontano.