Cronaca Ragusa

Strade? No, trazzere. Perché nel ragusano ci sono tanti incidenti

E' aumentato il parco circolante, le probabilità di incidente pure

Ragusa - Iniziamo col dirvi che il nostro è uno sfogo di frustrazione, dovuto allo stillicidio di incidenti stradali gravissimi di cui noi giornalisti siamo costretti a dare contezza ai lettori ogni giorno.

Un numero altissimo, inaccettabile, di fronte a cui ci siamo interrogati.

Perchè in provincia di Ragusa ci sono tanti incidenti così gravi?

Abbiamo una teoria, tutta nostra, che forse non è lontanissima dalla verità. 

Le strade in provincia sono quelle -oggi riasfaltate- di un tempo in cui il parco auto e moto circolante era molto più basso. A fronte di un aumento esponenziale di mezzi in circolazione le strade sono vetuste, anguste, inadeguate. 

Facciamo un esempio di facile comprensione per tutti. Ricordate le dimensioni di una Fiat 500 anni Sessanta? Sì.

Ricordate le dimensioni di una Fiat 131 Mirafiori? Con ogni probabilità sì. Bene. Le dimensioni di una utilitaria attuale sono molto maggiori di una auto di fascia medio alta degli anni Ottanta, come il 131. 

https://www.ragusanews.com//immagini_banner/1558096125-3-naselli.gif

Cosa vogliamo dire? Che il parco mezzi circolante è aumentato in quantità (ci sono molte più auto in circolazione) e in dimensioni (le auto sono più grandi). Le strade? Le strade ragusane sono trazzere asfaltate.

Direte: oggi abbiamo gli airbag, l'Abs, sistemi di sicurezza attiva e passiva. Benissimo. Grazie a Dio le auto sono più sicure. Ma i cellulari e la distrazione alla guida sono il vero pericolo.

Cosa fare? Ridurre la velocità, usare i sistemi vivavoce, dimenticare le notifiche mentre si è alla guida. Quanto alle mulattiere, il discorso sarebbe lungo, e anche inutile.