Attualità Castellammare del Golfo

Altro che coffa! Ecco la cannolo bag

Una borsa femminile a forma di cannolo

Castellammare del Golfo - Si chiama "cannolo bag", fa il verso alla più nota "coffa".

Giusy Di Benedetto la stilista che ha inventato questa nuova moda, si è ritagliata uno spazio nel cuore del centro storico di Castellammare, un laboratorio artigianale che sta riscuotendo grande consenso e spesso buone commesse non solo in Italia ma anche all’estero: Germania e Francia, perfino Stati Uniti e Russia.

In un tripudio di merletti e nastrini che parlano siciliano, a 50 anni Giusy Di Benedetto dal nulla si è creata una nuova attività con in mano idee e fantasia. Presa una «coffa» ha cominciato a ricamarci su. Non ha mai fatto la sarta, racconta, ma nella sua seconda giovinezza la creatività è diventata abilità artigianale. Tra colori, disegni, specchietti, borchie, «cianciane», cioè sonaglini, e «giummi», pon pon di lana colorata propri delle bardature dei cavalli che trainano i carretti siciliani addobbati a festa, la stilista non ha snaturato la tradizione, ma l’ha resa contemporanea, attualizzandola con dettagli di design e stile, mantenendone i caratteri identificativi.

La "cannolo bag", creazione esclusiva e registrata, ha l’inconfondibile forma allungata che riprende la cialda del famoso dolce siciliano ripieno di ricotta, in questo caso colmo di sete colorate e passamaneria in uno sfavillio di colori. 

Le coffe diventano maestose, baroccheggianti, riproponenti immagini di paladini e carte siciliane, dove la «curina», la parte della palma nana con la quale si producono le ceste, sono un elemento quasi nascosto. Non più oggetto agricolo, per il trasporto di foraggio e materiale sui muli, ma brand siciliano che rimane ancorato alle origini. Creazione uniche con un lavoro certosino ed eseguito totalmente a mano. Talento, creatività ed arte, destinati ad attirare lo sguardo di qualche arguto designer.

https://www.ragusanews.com//immagini_banner/1553784712-3-piccolo-principe.jpg