Lettere in redazione Pozzallo

Per entrare nella setta piramidale delle truffe ci chiesero 2500 euro

I lettori di Ragusanews ci racontano le loro esperienze con i multilevel

Pozzallo - Gentile redazione di Ragusanews,
Complimenti per la storia del sistema piramidale.
Se è quello che penso io, il marchio intendo, allora mi ritengo un salvato in extremis dalla mano divina. Mi hanno coinvolto una coppia di amici, una mail di invito da stampare, in allegato un codice QR Mi porto la moglie, siamo in un hotel di Rosolini, c'è un via vai di gente. All'ingresso c'è un attenta opera di smarcatura dei codici QR. Ciò avviene mediante l'uso del cellulare ed un app dedicata.
Tutti sono con i volti illuminati, l'atmosfera è quella di un talk show all'americana. Un ragazzo ed una ragazza salgono sul palco.
Presentano con del materiale mediatico fornito dal marchio. Iniziano a portare esempi di crescita clamorosi.
Gente che vive ormai curando solo il giardino dei fidelizzati diretti e di quelli che sono stati a loro volta fidelizzati dai primi arruolati. Insomma percentuali per tutti, una pioggia di soldi. Esercizi commerciali da affiliare ad un circuito di cash back.
Io? Dovevo sborsare scegliendo due opzioni 700 o 2500. Parliamo di euro. Si comprano buoni sconto ti fanno vedere una lista di grandi marchi affiliati al progetto.
Convergono tutti gli adepti a fare acquisti presso quel loop fatto da privati e aziende affiliate a questo sistema. Ogni qualvolta che fai un acquisto in questo circuito utilizzando i buoni sconto tu hai speso il tuo denaro, hai utilizzato parte dei tuoi buoni e loro ti promettono un ritorno con percentuali che partono anche da numeri minuti e che andranno a ritornare nel tuo conto.
Ma ecco che cosa accade: Tu, già dal successivo istante che gli hai dato 2500 euro dei tuoi soldi devi sbatterti per trovare gente da arruolare sotto il tuo codice, questa è l'unico riflesso che ti porterà la speranza di recuperare i tuoi soldi. Eri un uomo libero ma all'improvviso ti trovi schiavo di un sistema. Devi nel frattempo proseguire con la dottrina, non solo i meeting ma ti si affiancherà un guru che verrà fino a casa. Insomma la tua vita diventa di loro proprietà.
Ho detto no!
Non mi sono lasciato abbindolare e davanti agli occhi attoniti di tutti e sotto lo sguardo preoccupato di chi ci aveva inviato e generato quel codice QR che tanto assomiglia al vecchio tatuaggio che si faceva nei campi di Birkenau, ce ne siamo tornati a casa alla prima convention. Abbiamo subito un po' di pressioni, non sai cosa ti perdi poi te ne accorgi.
Eppure eccomi qui.

Tutto qui nella terra dove speranza e disperazione coesistono con un legame chimico che può essere rotto solo dall'informazione e dall'impegno sincero di fare politica per volere il bene di tutti.
Sei un giornale coraggioso caro Ragusanews!