Cronaca Vittoria

Furto d'energia elettrica, arrestati tre albanesi

Contrasto anche ai furti di rame

  • https://www.ragusanews.com//immagini_articoli/22-02-2019/1550826393-furto-energia-elettrica-arrestati-albanesi-1-500.jpg
  • https://www.ragusanews.com//immagini_articoli/22-02-2019/furto-energia-elettrica-arrestati-albanesi-100.jpg
  • https://www.ragusanews.com//immagini_articoli/22-02-2019/1550826393-furto-energia-elettrica-arrestati-albanesi-1-240.jpg

Vittoria - Continuano i servizi di controllo del territorio, svolti dalla Compagnia Carabinieri di Vittoria, volti a contrastare i reati predatori, con particolare attenzione ai furti di energia elettrica e rame.
In tale ambito sono state eseguite numerose controlli e diverse perquisizioni veicolari e domiciliari.
All’esito di tale attività i carabinieri della Stazione di Scoglitti:
− hanno tratto in arresto nella flagranza del reato di furto aggravato di energia elettrica tre cittadini albanesi, CENO Daniel cl. 1973 e CENO Edmiralda cl.1982, coniugi entrambi pregiudicati, e un bracciante agricolo 30enne, tutti domiciliati nel territorio del Comune di Vittoria - frazione Scoglitti. In particolare, i militari dell’ Arma, a seguito di mirati controlli esperiti congiuntamente a personale specializzato dell’ ENEL, hanno accertato all’interno delle abitazioni degli arrestati la manomissione dei contatori dell’energia elettrica, al fine di eluderne il reale consumo. Il danno erariale complessivo stimato ammonterebbe a 4.500,00 circa. Gli arrestati, espletate le formalità di rito, sono stati sottoposti agli arresti domiciliari presso le rispettive abitazioni su disposizione dell’ Autorità Giudiziaria di Ragusa;

I militari della Stazione di Comiso hanno deferito in stato di libertà per il reato di ricettazione e violazione degli obblighi inerenti la Sorveglianza Speciale di P.S. Verzeroli Jacopo cl. 1981 poiché, sottoposto alla citata misura di prevenzione personale, è stato sorpreso dai militari in compagnia di un altro pregiudicato. A seguito della successiva perquisizione domiciliare, sono stati rinvenuti 60 kg di rame di illecita provenienza all’interno di una pertinenza della propria abitazione.