Cronaca Comiso

Droga, due arresti a Comiso

In piazza Matrice

  • https://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=https://www.ragusanews.com//immagini_articoli/02-03-2019/1551519343-1-droga-arresti-comiso.jpg&size=387x500c0
  • https://www.ragusanews.com//immagini_articoli/02-03-2019/droga-arresti-comiso-100.jpg
  • https://www.ragusanews.com//immagini_articoli/02-03-2019/1551519343-1-droga-arresti-comiso.jpg

Comiso - Nella giornata di ieri, a seguito di un mirato servizio disposto dalla Compagnia di Vittoria finalizzato alla ricerca sostanze stupefacenti nel territorio del comune di Comiso, i militari della locale stazione hanno tratto in arresto in flagranza di reato per detenzione illecita di sostanze stupefacenti e porto abusivo di armi od oggetti atti ad offendere, Manka Abdoulie cl.1990 e Diallo Mamadou Sire cl.2001, entrambi pregiudicati e di origini, rispettivamente, gambiana e guineana.
In particolare, una pattuglia dei Carabinieri, giunta in piazza Matrice, insospettita dall’atteggiamento dei due cittadini extracomunitari, hanno sottoposto quest’ultimi ad una perquisizione personale rinvenendo, abilmente occultati sulla loro persona:
− 11 grammi circa di sostanza stupefacente del tipo hashish, suddivisi in più dosi confezionate singolarmente;
− 50 grammi circa di sostanza stupefacente del tipo marijuana;
− un taglierino e un coltello a serramanico di genere vietato.
Gli arrestati, dopo le formalità di rito, sono stati ristretti presso le proprie abitazioni in regime degli arresti domiciliari su disposizione dell’Autorità Giudiziaria di Ragusa.

A Scoglitti, i militari della locale stazione, al termine di approfonditi accertamenti, hanno deferito in stato di libertà per il reato di incendio doloso, un tunisino di 59 anni, residente a Vittoria, che è stato sorpreso mentre appiccava il fuoco ad un cumulo di rifiuti abbandonati misto a sterpaglie in un terreno incolto e non recintato. L’immediato intervento svolto dai Carabinieri congiuntamente a personale dei Vigili del Fuoco di Vittoria ha consentito di domare le fiamme, scongiurando un incendio più esteso, e di sequestrare una tanica di benzina utilizzata dal tunisino per dare fuoco illegalmente al materiale accatastato.