Cronaca Acireale

La mamma di Enrico: tengo il suo scaldacollo per sentirne il profumo

Parla Antonella Vero Cordella

 Acireale - La mamam di Enrico, dodici ore dopo il ritrovamento del corpo del figlio, è sul molo di Santa Maria La Scala, intervistata da Mattino Cinque, condotto da Federica Panicucci su Canale 5. 

Antonella Vero racconta l'ultimo giorno di suo figlio, quella disgraziata domenica 24 febbraio.

"Enrico aveva dormito tutto il giorno, si era sveliato per uscire con la fidanzata, Margherita. Io stavo dormendo e mi sorpresi che mio figlio, contrariamente al solito, non mi baciasse prima di uscire. Aveva fretta di raggiungere lei e il suo amico. Dopo qualche ora la telefonata di un mio nipote, che mi annunciava che mio figlio era stato travolto da un'onda". 

Antonella ha atteso otto giorni che il mare restituisse il corpo, martoriato e irriconoscibile del figlio 22enne. E' toccato agli altri due figli fare il riconoscimento del cadavere, su cui il parroco ha voluto dare l'estrema unzione già sul gommone che lo ha riportato a riva, ieri sera. 

"Ora mi resta lo scaldacollo che aveva indossato fino al giorno prima. Lo tengo stretto, sento ancora il suo profumo".