Cronaca Aereo caduto

Sebastiano Tusa, serve esame Dna e riconoscimento corpo

Impossibile al momento prevedere funerali

Settimane. Questo è il tempo che bisognerà aspettare per il rientro in Italia delle salme delle otto vittime del disastro aereo di ieri, e fra queste quella di Sebastiano Tusa. 

Occorre fare l'esame del Dna e poi servirà la pietosa procedura del riconoscimento della salma. 

"Il Governo regionale è rimasto, anche stamane, costantemente in contatto con i funzionari dell’unità di crisi istituita presso il ministero degli Affari esteri. Si attende di conoscere, dalle autorità etiopi, se e quando le famiglie delle vittime dell’incidente aereo potranno raggiungere il luogo teatro della sciagura.

Il presidente della Regione Nello Musumeci ha disposto che, ove necessario, la famiglia dell’assessore Sebastiano Tusa venga accompagnata da una missione regionale, guidata dal dirigente generale del dipartimento dei Beni culturali".

Lo sottolineano fonti di Palazzo d’Orleans, da cui si apprende che "secondo quando riferito dai funzionari romani le procedure potrebbero richiedere anche alcune settimane".

Secondo quanto si sottolinea da Palazzo d’Orleans, "il governatore della Sicilia segue personalmente l’evolversi della situazione. Nei prossimi giorni, di concerto con la famiglia, Musumeci valuterà quali iniziative pubbliche potranno essere organizzate".