Attualità Comiso

In appalto i collegamenti stradali con l'aeroporto di Comiso

Aggiudicata al consorzio Fenix di Bologna

Comiso - L’appalto per l’affidamento dei lavori relativi ai lotti 3 e 6 del progetto di “Potenziamento dei collegamenti stradali fra la S.S. n. 115 nel tratto Comiso-Vittoria, il nuovo aeroporto di Comiso e la S.S. n. 514 Ragusa-Catania, è stato aggiudicato al Consorzio Fenix di Bologna per un importo a base d’asta di 21 milioni e 112 mila euro. E’ stato il Servizio Urega Ragusa-Siracusa – Sezione di Ragusa, ad espletare la gara d’appalto e a proporre con verbale dello scorso 18 marzo l’aggiudicazione dell’affidamento dei lavori in favore del concorrente Fenix Consorzio Stabile Scarl con sede legale a Bologna in forza di un ribasso d’asta del 30,49%. Tra l’altro è la stessa impresa che ha realizzato la bretella di collegamento all’aeroporto di Comiso e inaugurata lo scorso 9 ottobre dal presidente della Regione siciliana Nello Musumeci.

Il finanziamento dei lotti 3 e 6 per un importo complessi di 31,5 milioni di euro è avvenuto con i fondi Pac (Piano Azione e Coesione) della Regione Siciliana, giusto decreto del dirigente generale dell’assessorato regionale ai Lavori Pubblici del 9.5.2016.
Le opere riguarderanno la realizzazione del collegamento dall’aeroporto alla strada provinciale n. 4 Comiso-Grammichele e la realizzazione delle opere idrauliche con i lavori di adeguamento del canale a margine dell’aeroporto di Comiso, lungo la strada provinciale n. 5, per evitare l’allagamento della pista in caso di avverse condizioni meteorologiche come purtroppo è accaduto in passato prima che il ‘Pio La Torre’ entrasse in funzione.
“Questo seconda gara d’appalto per la realizzazione dei collegamenti stradali a supporto dell’aeroporto di Comiso - dice il commissario straordinario Salvatore Piazza – consentirà di portare avanti quella programmazione infrastrutturale pianificata con i fondi ex Insicem che ha permesso già la realizzazione e l’apertura della bretella di collegamento allo scalo di Comiso, inaugurata lo scorso 9 ottobre. Questo secondo stralcio funzionale del progetto complessivo è finanziato con i fondi Pac della Regione siciliana e consentirà di mettere in sicurezza l’aeroporto di Comiso rivedendo il sistema idraulico dello scalo di Comiso, oltre ad assicurare il collegamento viario con le strade del comprensorio catanese”.