Appuntamenti Siracusa

Dal 9 maggio le tragedie greche

Le Troiane con Maddalena Crippa nel ruolo di Ecuba e la regia di Muriel Mayette

Siracusa - È dedicata alle donne e al grido di dolore e rabbia contro la feroce insensatezza della guerra, la Stagione Inda 2019, quella della «ripartenza» e del rinnovamento dopo il commissariamento, al via il 9 maggio con le due tragedie, entrambe da Euripide: Elena con il volto di Laura Marinoni, che la star internazionale Davide Livermore ha riletto in una dialettica tra vero e falso e in un’epoca non sua; le Troiane con Maddalena Crippa nel ruolo di Ecuba e la regia di Muriel Mayette. E a seguire la commedia, con Lisistrata di Aristofane diretta e interpretata da Tullio Solenghi con Elisabetta Pozzi e, anticipa il regista, «un cameo creato per Massimo Lopez», suo storico compagno di scena dai tempi del Trio.

In tutto, due mesi di spettacoli, 48 repliche, 100 attori, per ''tre testi classici greci - dice il Sovrintendente della Fondazione Inda, Antonio Calbi - in cui ci sono già tutti i temi: l’antimilitarismo, il pacifismo, il protofemminismo. C'è l'impatto sulla società di quel che accade. Ma che furono scritti in un periodo cupo per Atene, sconfitta durante la spedizione in Sicilia, e riflettono un canto dolente rispetto alla vita, la patria, l’uomo».