Giudiziaria Vittoria

Vittoria, bando per box al mercato: Tar respinge richiesta concessionari

Depositata la motivazione

Vittoria - E' stata depositata l'ordinanza con la quale la Terza Sezione del Tar di Catania ha rigettato la domanda cautelare - proposta dall'Associazione Concessionari del Mercato ortofrutticolo di Vittoria in relazione al ricorso principale e per motivi aggiunti - tesa ad ottenere la sospensione dell'efficacia del bando per l'assegnazione dei 74 posteggi del Mercato.


I giudici amministrativi, nell'accogliere i rilievi formulati dalla difesa del Comune - rappresentata dall'avvocato Angela Bruno - in ordine all'insussistenza di un danno grave e irreparabile, in considerazione del fatto che i ricorrenti potranno presentare domanda di partecipazione, non sussistendo alcuna clausola immediatamente escludente, hanno rilevato che “...il pregiudizio grave ed irreparabile per la concessione della misura cautelare deve essere concreto e attuale, non futuro ed ipotetico. Nel caso di specie, tale pregiudizio grave e irreparabile, ammesso che esso sussista, diventerà concreto e attuale a seguito dell'assegnazione formale dei posteggi in favore di terzi in esito all'espletamento della procedura. Allo stato, pertanto, la domanda cautelare dev'essere rigettata (con l'ovvia precisazione che essa potrà essere eventualmente riproposta a seguito dell'adozione dei provvedimenti di formale assegnazione dei posteggi)...”


Con la stessa ordinanza, il Tar ha fissato l'udienza del 4 Dicembre 2019 per la decisione della causa nel merito.
“La decisione del Tar – dichiara il Prefetto Filippo Dispenza, Commissario straordinario del Comune – conferma la correttezza del nostro operato, ispirato all'assoluto rispetto delle leggi e delle regole e teso a restituire dignità e credibilità alla straordinaria attività economica della regione di Vittoria, legata agli eccellenti prodotti della terra. Colgo l'occasione per rinnovare il mio ringraziamento al Presidente dell'Anac, Raffaele Cantone, e a tutto il suo staff, per il prezioso supporto che ci hanno fornito”.