Attualità Ispica

Medioevo a Ispica, no alle Tv in chiesa per Pasqua. Sì a Facebook

La guerra di Pasqua

Ispica - Le Tv locali, Video Mediterraneo, e Video Regione, non possono fare la diretta dalla chiesa dei riti religiosi di Pasqua. Ma le confraternite possono fare la diretta Facebook dalle pagine accreditate.

E' scoppiata la guerra fra le emittenti televisive ragusane e la chiesa di Ispica, con tanto di appelli al vescovo di Noto, Antonio Staglianò, parroci che si negano al telefono, annunci di "vedremo", "valuteremo", "vi faremo sapere".

La guerra televisiva di Pasqua si combatte su due fronti: le Tv locali vogliono mandare in onda i riti e le messe sui canali del digitale terrestre, i parroci vogliono che la trasmissione televisiva sia fatta solo via Facebook, e solo dalle pagine accreditate dalle confraternite.

Il motivo? Forse evitare le tragicomiche telefonate del pubblico da casa, la riduzione della messa a un fatto di mero spettacolo, e la vendita di spazi pubblicitari dentro lo "show" delle processioni.

Stamani, i parroci hanno diramato finalmente un comunicato. E le Tv annunciano che faranno le dirette nonostante tutto, dicendo quello che pensano sulla vicenda. VIDEO MEDITERRANEO SMENTISCE RAGUSANEWS

"COMUNICATO CONGIUNTO

Le rispettive Comunità Parrocchiali delle Basiliche S. Maria Maggiore e SS. Annunziata di Ispica – Diocesi di Noto, con le rappresentanze di tutte le Associazioni e Gruppi parrocchiali, in riferimento ai riti ed alle tradizioni della Settimana Santa ispicese, con particolare riguardo alla tematica relativa alla trasmissione e divulgazione televisiva delle immagini relative alle celebrazioni liturgiche ed alle processioni del Giovedì e Venerdì Santo e Domenica di Pasqua,
A seguito di consultazione con gli Organismi preposti
RENDONO NOTO CHE
è intenzione delle rispettive Comunità Parrocchiali rassicurare tutti coloro che per particolari problematiche e difficoltà legate allo stato di salute e/o lavoro residenti sia in Italia che all’estero non potranno partecipare fattivamente ai suddetti riti e celebrazioni il servizio suddetto verrà comunque garantito – in tutti i suoi momenti principali - attraverso la trasmissione streaming curata dalle pagine Facebook delle rispettive Parrocchie ed Associazioni Cattoliche di riferimento, servizio ricevibile non solo localmente bensì in tutto il mondo.
Pertanto, si è reso necessario, di comune accordo, non concedere autorizzazione ad alcun mezzo di divulgazione mediatica che possa strumentalizzare, per finalità commerciali, le feste e i riti plurisecolari, ciò al fine di tutelare lo spirito e lo stile di raccoglimento e preghiera che contraddistinguono storicamente la Settimana Santa ispicese.
Ispica, lì 15 Aprile 2019

https://www.ragusanews.com//immagini_banner/1551608316-3-toys-carnevale.jpg

I Presidenti delle Arciconfraternite I Parroci I Presidenti delle Ass. Catt. giovanili"