Attualità Rai Uno

Mina Mazzini direttrice del Festival di Sanremo al posto di Baglioni

Un grande colpo, se riesce

 Roma - In Rai si discute della direzione artistica di Sanremo 2020, 70° edizione del Festival della canzone italiana dopo che il figlio di Mina, Massimiliano Pani, ha aperto - in un’intervista al Messaggero - alla possibilità che la cantante accetti la direzione artistica. «Mina è Mina. E di fronte a un’apertura come questa manifesto tutto il mio interesse e quello dell’azienda», ha risposto dal canto suo l’ad della Rai, Fabrizio Salini, annunciando la volontà di incontrare Pani per discutere del futuro del Festival.

Quindi si fa concreta l'idea che possa essere la più grande voce femminile della canzone italiana a dirigere la prossima edizione di Sanremo al posto di Claudio Baglioni che come è noto non è proprio graditissimo dal punto di vista politico, come evidenziato dai continui scontri verbali con Matteo Salvini.

Massimiliano Pani, che oltre ad essere il figlio di Mina è anche il suo produttore e arrangiatore, ha detto che «in linea di principio è ipotizzabile una direzione artistica di Sanremo a Mina, ipotesi peraltro non nuova» ma che al momento però con la Rai non c'è stato «nessun contatto, nessuna proposta». Ora la prossima mossa spetta quindi alla Rai. Massimiliano Pani però ha puntualizzato: «Avendo carta bianca, Mina potrebbe anche dire sì».