Cronaca Ragusa

Nigeriano, richiedente asilo, nonché spacciatore

Ancora una volta un arresto al terminal dei bus

Ragusa - Nel corso dei servizi svolti per il contrasto dei traffici illeciti operati sul territorio ibleo, i militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Ragusa, hanno arrestato un cittadino extra-comunitario (I.L. classe 1996) fermato al terminal bus di Via Zara a Ragusa.

In particolare, nella serata di venerdì 26 aprile, militari del Nucleo Polizia Economico Finanziaria di Ragusa, nell’ambito di mirati servizi di controllo economico del territorio, hanno notato un soggetto nordafricano scendere dall’autobus proveniente da Catania con atteggiamento preoccupato e nervoso che tentava di allontanarsi frettolosamente dalla fermata.

Tale situazione insospettiva i finanzieri i quali procedevano immediatamente al controllo dei documenti. Le risposte evasive e contrastanti fornite dal cittadino nigeriano risultato richiedente asilo in Italia determinavano la necessità di riscontrare in maniera più approfondita gli effetti personali e quanto contenuto in un borsone ed in una busta di plastica contenente pesce fresco.

A sorpresa, in mezzo alle spigole probabilmente acquistate al mercato del pesce di Catania, due involucri contenenti sostanza stupefacente tipo marijuana quantificata in complessivi 540 grammi e tre cellulari attivi in uso al nigeriano, il quale aveva utilizzato tale tipo di occultamento per mascherare il forte odore dello stupefacente ed eludere eventuali controlli su strada.

Su disposizione dell’Autorità Giudiziaria, sono quindi scattate le manette per il soggetto in questione, ritenuto responsabile del possesso ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

Il risultato di servizio in esame testimonia il costante impegno delle Fiamme Gialle iblee nella lotta ai traffici illeciti sul territorio.