Attualità Comiso

Il manto e la svelata a Comiso

Maria Santissima Addolorata

  • https://www.ragusanews.com//immagini_articoli/19-05-2019/1558248527-il-manto-e-la-svelata-a-comiso-1-500.jpg
  • https://www.ragusanews.com//immagini_articoli/19-05-2019/il-manto-e-la-svelata-a-comiso-100.jpg
  • https://www.ragusanews.com//immagini_articoli/19-05-2019/1558248527-il-manto-e-la-svelata-a-comiso-1-240.jpg

Comiso - Una pioggia di petali di rosa. Una cascata lenta, meravigliosa, in grado di riempire gli occhi di sensazioni positive, quella consumatasi sabato sera nella navata centrale della chiesa Madre di Comiso. Un momento straordinario che ha reso suggestivo e affascinante il rito della Svelata. Tutto ciò dinanzi a una folla di fedeli che ha assistito con grande devozione a uno dei momenti più sentiti dei solenni festeggiamenti in onore di Maria Santissima Addolorata.

Il simulacro settecentesco della Vergine, gelosamente custodito nella nicchia dell’altare laterale, è così riapparso adornato di una splendida veste. Il manto, un’opera di pregevole artigianato locale, di velluto blu scuro tempestato da stelle dorate, è stato realizzato nel 1880 su commissione della signora Giuseppina Ciarcià. Prima della Svelata, il manto (spazio in questo caso a quello nuovo realizzato nel 2000 donato dalla signora Nunziata Vittoria per salvaguardare l’antico) ha animato la processione, insieme con la raggiera, la spada, le spille a forma di cuore e al fazzoletto, adagiati su cuscini di seta portati dai paggi dalla chiesa di San Biagio alla Chiesa Madre.