Benessere Sgonfiapancia

Dieta pancia piatta: eliminare il gonfiore addominale in una settimana

Per una buona prova costume

Con l’approssimarsi dell’estate vi è la tendenza a seguire diete dimagranti per perdere i chili di troppo accumulati nei mesi precedenti. La pancia gonfia in particolare è un nemico giurato delle donne che provano di tutto pur di sfoggiare una pancia piatta.
La dieta per avere la pancia piatta prevede all'incirca il consumo di 1200 – 1400 kcal al giorno e può essere seguita per 3 o 4 giorni, una settimana al massimo.

Per arrivare ad avere la pancia piatta in effetti è necessario seguire un certo tipo di dieta che prevede pochissimi grassi e calorie. Prima di intraprendere un vero e proprio programma dietetico bisogna eliminare i cibi che sono nemici della silhouette. Vanno evitati in particolare quegli alimenti che sono causa sia della fermentazione dei gas intestinali che della ritenzione idrica. Andiamo a considerare quali sono.

Per prima cosa vanno eliminati gli insaccati e tutti i salumi. Ovviamente è da bandire anche il cibo cosiddetto spazzatura: in particolare fritti, hamburger e patatine fritte. Da eliminare anche tutti i cibi col lievito, ad esempio la pizza e o prodotti da forno, ma anche gli yogurt e i formaggi fermentati. Dobbiamo sacrificare anche alcune verdure in quanto potrebbero aumentare i gas intestinali, in particolare pomodori maturi, peperoni e cavoli. Sempre al fine di evitare le flatulenze intestinali non andranno consumati altri formaggi molli, quali la ricotta o lo stracchino. Da eliminare anche le bevande gassate, gomme da masticare e legumi che contribuiscono al gonfiore addominale.
Vanno invece privilegiati gli alimenti ricchi di fibra, quali gli aspararagi e il finocchio. Riguardo alla carne è indicato il consumo di quella magra quindi pollo, tacchino, coniglio. Sempre per raggiungere l'obiettivo di sgonfiare la pancia sono particolarmente indicati i cereali integrali che perdipiù sono anche molto sazianti e favoriscono la regolarità intestinale.
Ovviamente andrà favorito il consumo di frutta, in particolare di quella contenente acqua, quali pere, pompelmo, ananas, kiwi, mele, anguria.
Riguardo alle bevande sono da privilegiare quelle che hanno una azione drenante e anti-cellulite, per cui vi suggeriamo il thè verde da consumare anche sotto forma di tisana, centrifugati di frutta e verdura.
Nei due pasti principali, quindi il pranzo e la cena, andranno considerati i cibi ricchi di proteine e poveri di grassi. Gli alimenti contenenti carboidrati andranno consumati a pranzo invece per non più di 2 o 3 volte alla settimana.

Esempio di colazione
150 ml di latte magro o parzialmente scremato più un caffè senza zucchero più un frutto.

Esempio di pranzo
Riso integrale (50-60 grammi) condito con verdure oppure accompagnato con del pesce fresco, oppure con tonno al naturale oppure pollo e insalata o verdura a scelta.

Esempio di cena
Una porzione di carne bianca più insalata o verdura a scelta, due gallette di riso oppure due fette di pane integrale.