Economia Catania

Parrucchieri, abusivi, col reddito di cittadinanza

Un nuovo taglio al mondo del lavoro

Catania - Un trancio di pasta al forno come compenso professionale per il dipendente minorenne. 

Percepivano i sussidi previsti dal Rei e dal reddito di cittadinanza, ma la polizia li ha sorpresi a gestire abusivamente un negozio di parrucchieri a Catania. È la scoperta fatta da agenti del commissariato Librino che hanno denunciato due coniugi per truffa allo Stato.

Uno dei due è stato denunciato anche per sfruttamento del lavoro: uno dei due dipendenti lavorava oltre dieci ore al giorno con una paga di un euro all’ora, mentre il secondo, minorenne, veniva retribuito soltanto con un pasto al giorno: un panino o una porzione di pasta al forno.