Attualità Scicli

La morte di Martina serva a fare giustizia in terra

Una morte che grida vendetta

  • https://www.ragusanews.com//immagini_articoli/17-07-2019/1563381113-la-morte-di-martina-serva-a-fare-giustizia-in-terra-1-500.jpg
  • https://www.ragusanews.com//immagini_articoli/17-07-2019/la-morte-di-martina-serva-a-fare-giustizia-in-terra-100.jpg
  • https://www.ragusanews.com//immagini_articoli/17-07-2019/1563381113-la-morte-di-martina-serva-a-fare-giustizia-in-terra-1-240.jpg

Scicli - Scicli si è fermata in onore di Martina. I funerali sono terminati alle sei del pomeriggio. Il Santuario di Santa Maria La Nova non è riuscito a contenere la folla di persone che ha voluto salutare Martina Aprile nel giorno del lutto e del dolore. 

Uccisa sul ciglio della strada da un tossicodipendente cui avevano già ritirato la patente, sbattuta per terra, travolta, mentre buttava la spazzatura. Mansione umile, che Martina svolgeva alle due di notte di domenica col sorriso sulle labbra, dopo una serata di servizio come cameriera.

Troppe morti ingiuste, che si possono evitare.  Con leggi che impediscano a chi fa uso di sostanze stupefacenti di avere una auto, una moto, di usarle come strumenti di morte. 

Si apprende, nel giorno del funerale di Simone, l'altro cuginetto morto a Vittoria, falciato da un esaltato, il padre di Alessio, l'altro bambino, ha parlato di Martina Aprile col vicepremier Luigi Di Maio.

Il padre di Alessio, Alessandro D’Antonio, parla di Martina: «Il ministro Di Maio ha promesso l’interessamento del governo; il ministro Bonafede si interesserà alla legge per inasprimento delle pene e che spero porterà il nome dei nostri figli. Credo in loro, nel ministro Salvini, nella giustizia, sentiamo vicine le istituzioni. Io da Vittoria non posso andare via. Devono andare via tutti questi delinquenti. Devono stare in galera per tutta la vita e per le vite innocenti che hanno strappato anche alla vita anche quella ragazza di Donnalucata che ha lasciato un bimbo disabile», conclude, dopo il colloquio riservato.

Per Martina ci sia giustizia in terra. Quella divina resta imperscrutabile.