Economia Noto

Fiere Turismo, 160 contatti ufficiali durante i primi 9 appuntamenti

I turisti prenotano ad aprile e gennaio e arrivano da Germania, Francia e Regno Unito

 Noto - Quasi 160 contatti con tour operator e aziende del settore e fari puntati già al 2020, partendo dai dati, statistici e parziali, presentati questa mattina a Palazzo Ducezio.

Gli 11 Comuni del Val di Noto e della Sicilia Orientale che condividono lo stand “Sicilia Sud Est - Val di Noto” durante le fiere internazionali del turismo, si sono ritrovati a Noto per analizzare alcuni dati e rilanciare gli ultimi 4 appuntamenti del 2019. Lo stand, infatti, sarà presente a San Pietroburgo (Russia) dal 12 al 13 settembre, a San Paolo (Brasile) dal 25 al 27 settembre; a Rimini (Italia) dal 9 all’11 ottobre e infine ad Osaka (Giappone) dal 24 al 27 ottobre.

Durante le prime 9 fiere, quelle di Utrecht (Paesi Bassi), Zurigo (Svizzera), Bruxelles (Belgio), Monaco di Baviera e Berlino (Germania), Pechino e Shangai (Cina) e Dubai (Emirati Arabi Uniti), i contatti diretti e indiretti con turisti e visitatori sono stati circa 160, mentre altri dati permettono di stabilire come siano aprile e gennaio i mesi preferiti per prenotare le vacanze. Sempre stando ai dati letti questa mattina estrapolati da un’attenta analisi di mercato, le tipologie di strutture più ricercate sarebbero casa vacanze e appartamenti.

Interessanti le percentuali sui turisti che scelgono questa zona di Sicilia: il 21% arriva dalla Germania, il 19% dalla Francia, il 13,46% dal Regno Unito e il 10% dalla Russia, con Siracusa, Noto e Ragusa, le tre città più scelte.

«È stato un momento interessante per un bilancio consuntivo e parziale dopo il primo semestre del progetto - ha detto l’assessore al Turismo Giusi Solerte - di marketing turistico internazionale che mette insieme, per la prima volta, diverse realtà che rappresentano in maniera unitaria il Val di Noto e la Sicilia Orientale. Il bilancio è positivo in termini di presenza in fiera, di feedback riscontranti e anche di contenuti, con una nuova veste grafica dello stand e lo spazio dedicato agli show cooking. Stiamo facendo per la prima volta nella storia di questo territorio, un grande lavoro di squadra, mettendo in rete identità e peculiarità culturali diverse ma legate da un unico filo conduttore: la bellezza, declinata nelle sue innumerevoli forme espressive».

Aspettando il bilancio finale, questa mattina si è parlato anche delle prospettive 2020, con alcuni accordi di sponsorizzazione che potrebbero abbassare i costi sostenuti dai Comuni e l’idea di partecipare a fiere tematiche per sviluppare percorsi turistici speciali, come potrebbe essere quello archeologico. In cantiere anche una serie di educational tour.

Assieme al comune di Noto, comune capofila del progetto, ci sono anche quelli di Avola, Militello in Val di Catania, Modica, Palazzolo Acreide, Piazza Armerina, Portopalo, Ragusa, Siracusa, Scicli e Sortino.