Benessere Dieta delle Star

La dieta del supermetabolismo per dimagrire velocemente

Le varie fasi della dieta

Mangiare di più e perdere chili di troppo? Focus sulla dieta della nutrizionista che ha conquistato le star di Hollywood. La dieta del supermetabolismo si propone come una delle migliori soluzioni per dimagrire velocemente. Secondo Pomroy, colei che ha ideato questo programma, sarà possibile dimagrire di circa 10 chilogrammi, in quattro settimane ma non solo: i livelli di colesterolo cattivo (LDL) dovrebbero abbassarsi, il tasso glicemico stabilizzarsi e sarà anche possibile dormire meglio e avere una maggiore energia.

La dieta supermetabolismo di Haylie Pomroy, che ha conquistato le Star di Hollywood, promette di far perdere 10 Kg in un solo mese, senza rinunce: i consigli su cosa mangiare nelle tre fasi.

Haylie Pomroy ha aiutato moltissime persone a perdere ben 10 kg in sole 4 settimane con la sua dieta del supermetabolismo, un programma rapido che prevede diverse fasi e che, a quanto pare, funziona davvero.

Come funziona il suo metodo?

Il suo metodo prevede una rotazione settimanale di alimenti capace di scatenare questo processo. Si mangia molto - contate tre pasti e due spuntini al giorno - e nonostante ciò si perde peso. Ancora, non si devono contare le calorie e non si rinuncia a nessuna categoria di cibi.

Cosa mangiare fase per fase?

Innanzitutto è necessario sapere che la dieta supermetabolismo dura solo 28 giorni e prevede tre diverse fasi che si alternano ogni 2-3 giorni, in cicli settimanali. Ogni fase comporta il consumo di alimenti differenti e lo svolgimento di un diverso tipo di attività fisica, ma ci sono delle regole generali che dovranno esser rispettate per tutta la durata del programma.

Regole da rispettare:

- Bisogna mangiare 5 volte al giorno, senza saltare i pasti;

- Durante la giornata, mangiare ogni 3-4 ore al massimo;

- ricordatevi che la colazione deve esser fatta entro 30 minuti dal risveglio;

- Bisogna bere ogni giorno 30 ml di acqua per ogni chilogrammo di peso corporeo, dunque una persona di 50 kg dovrà berne circa un litro e mezzo;

- Scegliete preferibilmente solo alimenti biologici;

- Rispettate il programma e le sue fasi rigorosamente;

- Dovete fare esercizio fisico 3 volte a settimana.

Ci sono degli alimenti da evitare per tutti e 28 i giorni della dieta del supermetabolismo: latticini, zucchero, caffeina, alcolici, bevande light o dietetiche, mais, frumento, soia, spremute, frutta disidratata ed edulcoranti artificiali.

Schema e Fasi della Dieta del Supermetabolismo

Fase I: bruciare i grassi

Questo programma dimagrante si basa sul principio che vi sono degli specifici alimenti bruciagrassi e che, se assunti regolarmente, permettono di accelerare il metabolismo e di trasformare il corpo in un vero e proprio sistema bruciagrassi. La fase I della dieta del supermetabolismo dovrà esser seguita nelle giornate del lunedì e del martedì e si dovranno privilegiare frutta, verdura, proteine e cereali, anche se non tutti.

Cosa mangiare nello specifico?

verdure come carciofi, spinaci, asparagi, cavolfiore, fagioli e melanzane;

frutta come pere, mele, anguria, mango, pesche, arancia, kiwi, fragole, ananas;

cereali, meglio se integrali, come riso, orzo, quinoa, farro, avna e miglio;

carne magra (manzo, pollo e tacchino) e legumi.

Il menu quotidiano dovrà dunque esser così composto: a colazione una porzione di cereali e frutta, due spuntini a base di frutta, pranzo e cena una porzione di cereali, una di proteine e verdure in quantità.

Fase II: proteine

La seconda fase della dieta del supermetabolismo andrà seguita ogni mercoledì e giovedì e prevede l’assunzione di tante proteine e verdure. Scegliere cotture alla griglia, lesse o in umido, ed evitare del tutto i grassi, esattamente come nella fase I. Il menu potrà dunque comprendere:

una colazione e degli spuntini a base di omelette (di soli albumi) e verdure (meglio quelle in foglia, broccoli e cavolo);

pranzo e cena carni magre, pesci o insaccati magri e verdure come contorno.

Fase III: equilibrio

La terza fase andrà seguita ogni venerdì, sabato e domenica del mese e prevede il reintegro degli alimenti grassi, a patto che siano sani, insieme a proteine, frutta a basso indice glicemico (fragole, frutti di bosco e arance). È possibile consumare cereali integrali ma limitandoli a circa mezza porzione; bene la frutta secca, i semi, il cocco.

a colazione e durante gli spuntini è meglio scegliere della frutta;

a pranzo e a cena mezza porzione di quinoa, riso integrale oppure avena, insieme a un piatto di carne di manzo magra, pollo, pesce, legumi oppure crostacei. Come contorno verdure come carciofi, melanzane, asparagi, cavolfiore o fagiolini.

La terza fase andrà seguita ogni venerdì, sabato e domenica del mese e prevede il reintegro degli alimenti grassi, a patto che siano sani, insieme a proteine, frutta a basso indice glicemico (fragole, frutti di bosco e arance). È possibile consumare cereali integrali ma limitandoli a circa mezza porzione; bene la frutta secca, i semi, il cocco.

a colazione e durante gli spuntini è meglio scegliere della frutta;

a pranzo e a cena mezza porzione di quinoa, riso integrale oppure avena, insieme a un piatto di carne di manzo magra, pollo, pesce, legumi oppure crostacei. Come contorno verdure come carciofi, melanzane, asparagi, cavolfiore o fagiolini.

Come per qualsiasi dieta consultate il vostro medio prima di iniziare.


© Riproduzione riservata