Appuntamenti Modica

I Grimaldi a Modica, una mostra

La Mostra resterà aperta nell’Androne di Palazzo Grimaldi - Papa a Modica in Corso San Giorgio 133 fino al 25 agosto

Modica - Inserita nel programma degli eventi permanenti dell’estate modicana 2019, è stata presentata domenica 28 luglio la terza edizione della Mostra “I Grimaldi a Modica – Memorie …. dalla Prima Casa”.
La Mostra ricorda personaggi ed avvenimenti, oggetto anche di recenti studi, vissuti nel “tenimento di casi grande et insigne ……. sotto il Castello della città”. Tale “tenimento di case” che negli atti notarili viene definito la “Casa Magnatizia” , divenne all’inizio del XVII sec. la “Prima Casa Grimaldi” a Modica e fu trasmessa per varie generazioni ai primogeniti del ramo dei “Grimaldi della Contea” fino a Concetta (1763- 1848) che non ebbe eredi e che insieme alla sorella Francesca (1767-1841) intraprese una straordinaria opera di destinazione del patrimonio di Famiglia in opere di assistenza ed istruzione.

Dopo i consueti saluti, con la partecipazione dell’assessore alla Cultura Maria Monisteri ed in collaborazione con una concomitante iniziativa del Movimento Azzurro che si occupa dell’apertura del Castello dei Conti, la curatrice della Mostra d.ssa Clementina Papa ha presentato l’iniziativa illustrando la locandina dell’evento. Di seguito si riporta integralmente l’intervento:
"Siamo a quattro anni di distanza dalla Prima Mostra Grimaldi realizzata nella Chiesa di San Michele nel 2015 su “ I Grimaldi, il Duomo di San Giorgio e la città” ed alla terza edizione della Mostra “I Grimaldi a Modica, Memorie ….. dalla Prima Casa” realizzate nel 2016, 2018 ed ora 2019, che nelle tre edizioni ha puntato dei focus particolari, sempre chiaramente espressi nelle locandine. La locandina di quest’anno vede la Prima Casa Grimaldi ed il Castello, le tre donne Girolama, Concetta e Francesca che abbiamo imparato a conoscere ed in più vediamo il Palazzo dell’Archivio di Stato (lo riconosciamo subito dall’ aquila), una Madonna ed una medaglia. Quest’anno l’attenzione è puntata sull’Archivio di Modica; fin dallo studio che mi portò alla Mostra del 2015, attraverso la tesi di laurea sui “Grimaldi della Contea” di Maurizio Gulino che dedicava un ricco capitolo alle fonti, e quindi all’Archivio Privato Grimaldi (depositato nell’Archivio di Modica) mi resi conto dello straordinario valore di quell’Archivio non solo per la storia della Famiglia Grimaldi ma per la storia del Castello e della città. Faccio due esempi: di Leonora Crispo, moglie di Agostino si parla nelle carte in Spagna che riguardano la storia della Contea e nelle Carte Grimaldi. Altro argomento: circa un mese fa, sulla rivista on line “Ragusanews” è stato pubblicato dal prof. Giovanni Di Natale un articolo molto interessante, sulla “Giudecca” di Modica. Approfondendo quest’argomento anch’egli incontra Leonora Crispo e una “Madonna de la Blanca”. Una Cappella, dedicata al “Santo Spirito seu Madonna della Blanca” viene citata più volte nei documenti che descrivono la Prima Casa Grimaldi dove, si riporta nei documenti, si svolgevano cerimonie religiose durante le quali non voleva essere disturbata donna Geronima Rosso Landolina , moglie di Giovanni Grimaldi. All’interno della Prima Casa Grimaldi , proprio dove ci troviamo adesso, si conserva tutt’oggi la statua della Madonna riprodotta nella locandina: sembra piuttosto antica; lasciamo agli studiosi l’interrogativo ed il compito di chiarire con certezza se si tratta della Madonna De La Blanca. Infine la Medaglia: è la Medaglia del premio alla Modicanità nell’edizione del 25mo, nel 2007, conferita alla Memoria a Concetta Grimaldi per la Conservazione delle Carte dell’ Archivio di Famiglia. ( Non per le opere di beneficenza, per le quali insieme alla sorella Francesca è ricordata nella lapide all’ingresso del Castello, ma esclusivamente per la custodia delle Carte di Famiglia).

Quelle carte oggi costituiscono parte del Fondo Grimaldi e le furono affidate dal Padre, il Cav. di Gran Croce Michele Grimaldi, nel suo testamento solenne pubblicato il 6 luglio 1806, dove leggiamo: “ …… E SICCOME VOGLIO CHE LA SCRITTURA DI MIA CASA FOSSE SEMPRE GELOSAMENTE CUSTODITA E CONSERVATA, PER CAUTELA ORDINO E COMANDO CHE LA SCRITTURA ANZI DETTA DEBBA RESTARE IN PODERE DELLA MIA CENNATA FIGLIA DONNA CONCETTA”. Questa medaglia fu simbolicamente consegnato all’Archivio di Stato di Ragusa: ciò che essa rappresenta, l’Archivio Grimaldi, è oggi è patrimonio di chiunque ne sappia scoprire il valore. >
La Mostra resterà aperta nell’Androne di Palazzo Grimaldi - Papa a Modica in Corso San Giorgio 133 fino al 25 agosto nei giorni di mercoledì, sabato e domenica o su appuntamento telefonando al numero 339-1980050.