Cronaca Comiso

Comiso, il somalo che brandisce bottiglie contro gli avventori dei bar

Ha 31 anni

Comiso - Una Volante del Commissariato di Pubblica Sicurezza di Comiso ha proceduto all’arresto in flagranza di reato di un cittadino somalo per violenza e resistenza a pubblico ufficiale.

Alle 21.50 circa del 30 luglio scorso, a seguito di segnalazione di persona molesta presso Piazza delle Erbe, gli agenti rintracciavano uno straniero che poco prima aveva importunato e molestato i clienti di un locale. L’uomo, gesticolando con una bottiglia di birra in mano, da subito mostrava insofferenza al controllo brandendo la bottiglia contro i poliziotti e minacciando di colpirli. Uno degli agenti approfittando di un attimo di distrazione riusciva a disarmarlo, ma l’uomo per reazione si dava repentinamente alla fuga. Quindi veniva rincorso dal capo pattuglia che riusciva a raggiungerlo e bloccarlo dopo qualche centinaio di metri. Lo straniero, tuttavia, al fine di guadagnare nuovamente la fuga continuava a dimenarsi e contrastava l’azione di contenimento dell’agente colpendolo con diversi pugni. Infine, l’intervento congiunto di entrambi i componenti della Volante consentiva di contenere definitivamente l’uomo che veniva accompagnato presso gli uffici del Commissariato per gli adempimenti di rito. A seguito della colluttazione uno dei due agenti riportava lesioni giudicate guaribili in 5 giorni. 

Per tali motivi, la persona identificata come cittadino somalo regolare sul territorio nazionale, Y. S. di anni 31, veniva tratto in arresto per i reati di violenza e resistenza a pubblico ufficiale e, su disposizione del P.M. di turno, veniva condotto presso la casa circondariale di Ragusa a disposizione dell’autorità giudiziaria.