Sanità Modica

Chirurgia a Modica, l'assessore: Che razza di figura mi fate fare?

L'assessore Ruggero Razza adirato per il "caso Modica"

Modica - Una convocazione urgente a Palermo. L'assessore regionale alla sanità Ruggero Razza accelera sul caso di Chirurgia a Modica. Boccia la metodologia che ha portato alla chiusura della sala operatoria per le emergenze notturne e non perde tempo per insediare l’apposita commissione d’inchiesta presieduta dal dirigente Generale, Maria Letizia Di Liberti.

A Piazza Ottavio Ziino, sede dell’assessorato alla salute, si è proceduto con le audizioni del manager, Angelo Aliquò, del Direttore sanitario aziendale, Raffaele Elia e del direttore Amministrativo, Rosario Fresta.
Che non sarebbe stata una passerella solo per mettere a tacere le polemiche di questi giorni, lo si è capito dalla durata dei colloqui, terminati a tarda ora.

Ciascuno dei direttori ha dovuto rispondere separatamente su quanto avvenuto. Molti gli “omissis” sulle modalità che hanno indotto i dirigenti a prendere questa drastica decisione che ha portato il caso alla ribalta nazionale, decisione motivata dalla difficoltà a reperire medici, problema che attanaglia in generale la sanità italiana.

La Commissione ha chiesto ulteriore documentazione per accertare e verificare i fatti e le criticità, e le eventuali responsabilità che hanno portato a questo clamorosa “testacoda” in pista della sanità ragusana. 

Ha inoltre registrato gli interventi sin qui compiuti in emergenza dal nosocomio modicano e ha preso atto che proprio il 4 luglio scorso, con apposita delibera, un chirurgo è stato destinato all’Ospedale di Ragusa.