Attualità Roma

Mattarella ha convocato Conte per formare il nuovo Governo

Giallo sulle dichiarazioni di Beppe Grillo: "Ministri tecnici di alto livello". Poi precisa: "Solo in Ministeri tecnici"

Roma - Al termine del secondo giro di consultazioni al Quirinale, non ha parlato il segretario generale Ugo Zampetti, ma il capo della comunicazione, l'addetto stampa di Sergio Mattarella Giovanni Grasso.

Grasso annunciato che il presidente Mattarella ha convocato il premier uscente, Giuseppe Conte, per domani mattina alle 9,30 per il conferimento dell'incarico per la formazione del nuovo governo. Conte dovrebbe accettare «con riserva».

Non sarà un Conte Bis, ma un Conte 2. 

Beppe Grillo vuole che i Ministri non siano esponenti dei partiti, ma alte personalità svincolate dalle forze politiche. Il ruolo politico dovrebbe toccare ai sottosegretari, secondo il comico genovese. 

"Oggi è l’occasione di dimostrare a noi stessi ed agli altri che le poltrone non c’entrano nulla: i ministri vanno individuati in un pool di personalità del mondo della competenza, assolutamente al di fuori dalla politica". Lo scrive Beppe Grillo in un post, analizzando il quadro politico dopo la nuova giornata di consultazioni.

https://www.ragusanews.com//immagini_banner/1492239221-3-ecodep.gif

"Questa crisi somiglia sempre di più ad un guasto dell’ascensore: quello che conta è mantenere la calma, non fare puzze e non dimenticare chi siamo", aggiunge.

"Non facciamoci distogliere dalle incrostazioni che la realtà ha lasciato sui nostri scudi, è assolutamente normale ed atteso che ogni accenno ad un ministero si trasformi in una perdita di tempo condita da cori di reciproche accuse di attaccamento alla poltrona. Questo perché un po’ di poltronofilia c’è ma, sopratutto, non ci sono i tempi né per un contratto e neppure per chiarirci su ogni aspetto, anche fintamente politico, delle realtà che i ministeri dovranno affrontare", dice Grillo.

https://www.ragusanews.com//immagini_banner/1568098003-3-tumino.jpg

"Oggi è l’occasione di dimostrare a noi stessi ed agli altri che le poltrone non c’entrano nulla: i ministri vanno individuati in un pool di personalità del mondo della competenza, assolutamente al di fuori dalla politica. Il ruolo politico lo svolgeranno i sottosegretari, ognuno dovrà scegliere secondo verso cui dovrà rispondere nei fatti e sintetizzare, per ogni ministero, l’approccio ottimale e imparare a governare i 'tecnici' della burocrazia che li occupano da tempo immemore", conclude.

Grillo precisa: "Tecnici solo in ministeri tecnici"

Beppe Grillo ha sentito Luigi Di Maio: "Il leader sei tu, sei tu a decidere. Volevo dire che per i Ministeri tecnici servono ministri tecnici", ridimensionando la propria dichiarazione iniziale.