Attualità Città del Vaticano

Papa Francesco resta chiuso in ascensore 25 minuti. Pronti i Cardinali

Il VIDEO

Città del Vaticano - «Sono rimasto chiuso 25 minuti in ascensore»: lo ha rivelato Papa Francesco, scusandosi per il ritardo di una manciata di minuti con cui si è presentato all’Angelus in Piazza san Pietro. «Facciamo un applauso ai Vigili del fuoco», ha aggiunto spiegando di esser stato liberato grazie all’intervento dei pompieri.

«Devo scusarmi del ritardo: sono rimasto chiuso in ascensore per 25 minuti, c'è stato un calo di tensione ma poi sono venuti i vigili del fuoco», ha spiegato il Pontefice.

Il 5 ottobre il Papa ha convocato un concistoro per la creazione di 13 nuovi cardinali. Lo ha detto lo stesso Francesco all’Angelus. Tra questi anche mons. Zuppi, arcivescovo di Bologna, e il sottosegretario al
Dicastero dello Sviluppo umano, padre Michael Czerny, che si occupa di migranti.

La «corsa ai primi posti» fa male alla comunità civile a alla Chiesa: è l’avvertimento lanciato dal Papa Francesco all’Angelus, prendendo spunto dal Vangelo di Luca. «È un atteggiamento piuttosto diffuso, anche ai nostri giorni», ha osservato il Pontefice, «si cerca il primo posto per affermare una presunta superiorità sugli altri. In realtà, questa corsa ai primi posti fa male alla comunità, sia civile sia ecclesiale, perchè rovina la fraternità».

«Tutti conosciamo questi arrampicatori», ha sottolineato il Papa. Il Pontefice ha ricordato l’atteggiamento di Gesù nella parabola: «Quando sei invitato, và a metterti all’ultimo posto, perchè quando viene colui che ti ha invitato ti dica: 'Amico, vieni più avanti!'». «Non bisogna mettersi al primo posto perchè, spiega Gesù, «non ci sia un altro invitato più degno di te, e colui che ha invitato te e lui venga a dirti: 'Cedigli il posto!'. Allora dovrai con vergogna occupare l’ultimo posto».

https://www.ragusanews.com//immagini_banner/1492239221-3-ecodep.gif

«Non dobbiamo cercare di nostra iniziativa l’attenzione e la considerazione altrui, ma semmai lasciare che siano gli altri a darcele», ha esortato Papa Francesco.