Cronaca Comiso

Pastore pentecostale sfratta famiglia con casa venduta all'asta

La chiesa metodista di Scicli vicina alla famiglia Rollo

Comiso - Il pastore pentecostale Biagio Catalano rivendica il suo diritto a entrare in possesso della casa della famiglia Rollo, venduta all'asta per un valore pari a un quarto di quello reale. 

E nella vicenda umana e familiare della famiglia Rollo di Comiso entra con un intervento anche la chiesa evangelica metodista di Scicli.

I fatti. La famiglia Rollo gestiva una impresa agricola che è andata in rovina per debiti. Le tre sorelle Rollo hanno un genitore anziano e malato, e la loro casa -un villino- è stata messa all'asta, e infine aggiudicata per 64 mila euro. Le sorelle Rollo hanno chiesto al pastore pentecostale di recedere dalla legittima richiesta della immissione in possesso, ma l'uomo dice di aver atteso 40 giorni un cenno per una transazione che non è mai arrivato. 

Valutata dal Ctu 220 mila euro, la casa è stata aggiudicata all'asta per 64 mila euro. Il debito della famiglia Rollo con Banca Agricola Popolare di Ragusa ammonta a 70 mila euro. La vicenda ha molto scosso l'opinione pubblcia di Comiso. E sul tema è intervenuta la chiesa Metodista di Scicli: "La Chiesa Metodista di Scicli esprime profonda solidarietà e vicinanza nel Signore alla famiglia Rollo di Comiso, che rischia di perdere la propria casa, vittima di una difficile situazione. Lo Spirito dell'Evangelo è spirito di solidarietà, accoglienza e sostegno a chi vive condizioni di fragilità. I metodisti di Scicli, fedeli alla loro tradizione di intervento sociale sul territorio, pregano per la famiglia Rollo e per la conversione di quanti, coinvolti nella vicenda, trovino il coraggio di tornare indietro sui propri passi per seguire il Signore degli ultimi. La chiesa metodista chiede a nostro Signore di ispirare in tutti e tutte noi e in quanti hanno responsabilità di governo e amministrazione azioni e decisioni tese ad abbattere le disparità e a sostegno degli ultimi della Terra".