Economia Disoccupazione

Sicilia, 1.085 assunzioni in agenzie lavoro, navigator stanno a guardare

Manna piovuta dal cielo per chi, in realtà, non cerca il lavoro

Alla fine, il reddito di cittadinanza è diventato una vera e propria manna piovuta dal cielo per chi, in realtà, non cerca il lavoro.

Settembre, infatti, doveva essere il mese della fase 2 che prevedeva il via alle convocazioni di coloro ai quali era stata accordata questa forma di reddito, per riqualificarli e inserirli nel mercato del lavoro.

Ma nelle regioni del Sud, dove maggiore è stata la richiesta e l'elargizione del reddito, si registrano i maggiori disservizi, col risultato che esso diviene un puro e semplice sussidio.

Nel 61% dei casi il beneficiario abita al Sud o nelle Isole, nel 24% al Nord e nel 15% al Centro. Le prime regioni in classifica sono la Campania, con circa 172 mila richieste, la Sicilia (161 mila), il Lazio (93 mila), la Lombardia e la Puglia (90 mila ciascuna).

Tanta è la voglia di mettersi in gioco e contribuire allo sviluppo economico del proprio Paese che a Napoli, addirittura, c’è chi dopo le ferie d’agosto non si è presentato al lavoro. II reddito di cittadinanza con il sussidio garantito a chi non risulta assunto, sta provocando seri danni all’industria, al commercio, all’agricoltura, ai servizi per il turismo, alla pesca. In tanti, poi, si offrono di lavorare solo in nero per potere percepire il sussidio dallo Stato. Al Sud funziona così. In Sicilia, la seconda regione nella classifica dei richiedenti asilo per il divano di casa, c'è tensione tra i navigator e i Centri per l'impiego. Infatti la Regione ha annunciato che assumerà 1.085 dipendenti da inserire nei Centri bandendo un concorso e non tenendo conto dei navigator. Confusione totale, a vantaggio dei percettori del reddito di cittadinanza che incassano l’assistenza direttamente su una carta prepagata, comodi comodi, senza manco lo sforzo di mettersi in coda alle Poste, e di accompagnamento al lavoro non se ne parla. Una panacea, insomma, il sostegno al reddito voluto dal Governo del cambiamento, soprattutto per chi vuole starsene in pantofole ad aspettare una chiamata per una ricollocazione o un lavoro che non arriverà mai.