Attualità Santa Croce Camerina

Vincenzo e il suo fungo di carrubo di sei chili. FOTO

Un'annata difficile

  • https://www.ragusanews.com//immagini_articoli/21-09-2019/1569048359-vincenzo-e-il-suo-fungo-di-carrubo-di-sei-chili-foto-1-500.jpg
  • https://www.ragusanews.com//immagini_articoli/21-09-2019/1569048359-vincenzo-e-il-suo-fungo-di-carrubo-di-sei-chili-foto-2-500.jpg
  • https://www.ragusanews.com//immagini_articoli/21-09-2019/vincenzo-e-il-suo-fungo-di-carrubo-di-sei-chili-foto-100.jpg
  • https://www.ragusanews.com//immagini_articoli/21-09-2019/1569048359-vincenzo-e-il-suo-fungo-di-carrubo-di-sei-chili-foto-1-240.jpg
  • https://www.ragusanews.com//immagini_articoli/21-09-2019/1569048359-vincenzo-e-il-suo-fungo-di-carrubo-di-sei-chili-foto-2-240.jpg

Santa Croce Camerina - Vincenzo La Cognata, il cercatore di funghi santacrocese, anche quest’anno riesce a portare a casa un fungo di carrubo da vero record di quasi 6 chilogrammi!

Vincenzo, appassionato cercatori di funghi, dalla vista affilata e grande conoscitore di alberi di carrubo, che ogni anno regalano questo prezioso e ricercato fungo, il Laetiporus sulphureus, che noi comunemente chiamiamo “a funcia di carrua”, ha scovato un esemplare di 5,900 chilogrammi. Un esemplare spettacolare e in perfetto stato di maturazione. Vincenzo non è nuovo a queste imprese, ogni anno riesce a portare a casa esemplari spettacolari da record.

Vincenzo: “Questo esemplare è stato un vero dono, come si dice, è caduto dal cielo. Quest’anno, per me non è stata una stagione favorevole per diversi motivi, il poco tempo che ho avuto a disposizione per la ricerca e la poca umidità avuta nei mesi di luglio e agosto, di conseguenza pochi esemplari. In tante circostanze ho trovato funghi ancora piccoli o in embrione, che lascio sempre per permettergli di crescere, ma immancabilmente non li ritrovo più, perché qualcuno è arrivato prima o ha raccolto il fungo piccolo, non permettendo più di poter arrivare a uno stadio di maturazione. Ma la natura mi ricompensa sempre. Sono contento lo stesso, alla fine pochi esemplari, ma questo su tutti mi ha ripagato dal sudore dei tanti chilometri che ho fatto per le campagne iblee”.

L’esemplare raccolto di 6 chili, è stato trovato in un unico albero, dove aveva formato due grandi rosoni ravvicinati tra di loro. La difficoltà è stata quella di cercare di estrarre il fungo senza frantumarlo, perché era cresciuto nel tronco di un carrubo abbandonato, mai potato. Intatti Vincenzo, armato di coltello e tanta pazienza, si è improvvisato “chirurgo”, riuscendo ad estrarre il magnifico fungo senza rovinarlo. Il fungo, poi, è stato ricomposto per essere immortalato nella foto con il suo scopritore.