Appuntamenti Ragusa

Ragusa, a Ibla Buskers c'è Frutillas conCrema

Dal 10 al 13 ottobre

Ragusa - Un quarto di secolo e la magia continua a ripetersi. Fiato sospeso e occhi sbarrati: la meraviglia e lo stupore stanno per tornare con la venticinquesima edizione di Ibla Buskers. Dal 10 al 13 ottobre Ragusa Ibla scoppierà di allegria, entusiasmo, sorpresa e di tanti tanti colori. Sono quelli degli ospiti del festival di artisti di strada più importante e antico della Sicilia, che con i loro numeri spettacolari incanteranno il pubblico di grandi e piccini. E saranno proprio loro, gli spettatori di ogni età e da ogni dove, a diventare spesso i protagonisti delle esibizioni, coinvolti dallo spirito entusiastico e magico che Ibla Buskers riesce sempre a creare.

E chissà se sarà il contorsionismo di Cronopia, con le sue acrobazie miste a humor e abilità nello spettacolo “Maromas”, o la speciale valigia carica di allegria e divertenti oggetti dell’argentino El Goma con il suo “The Atari Show” a conquistare il cuore del pubblico. O forse il cileno Claudio Martinez che con l’emozionante teatro gestuale nel suo show “Petit” esplorerà un linguaggio onirico e sensibile che si fa gesto e trasformazione, offrendo lacrime e risate.
E’ un pullulare di arte, fantasia, emozioni, Ibla Buskers che accoglie artisti di tutto il mondo, interpreti di un’espressività unica e vibrante.
Come l’energia de La Nube che, tra tecnica circense, musiche, costumi, cubi, scatole e tanto altro, stravolgerà ogni idea del “duo” di circo, per regalare un’esplosione di vitalità.
E che dire della suggestione del teatro d’ombre del duo siculo-catalano “Fratelli La Strada” con il loro spettacolo “Il gatto nero e altre ombre impertinenti”: cinque racconti che traggono spunto dalla tradizione secolare delle marionette d’ombra rivisitata in chiave contemporanea per raccontare di una umanità fiabesca, piena di debolezze e difetti.
Questi alcuni degli ospiti della 25^ edizione di Ibla Buskers, una manifestazione che è pura festa, unione, divertimento, condivisione e recupero della memoria collettiva.