Economia Trading

Truffe nel trading online: cosa fare per difendersi

Nuovi rischi

Il trading può essere uno strumento di investimento molto interessante, tuttavia è importantissimo che gli utenti si muovano con accortezza per evitare di incappare in brutte sorprese dal momento che in tale ambito, purtroppo, le truffe non mancano, anzi il crescente numero di segnalazioni lascia immaginare che esse stiano divenendo sempre più frequenti.
Prima di entrare nel dettaglio è utile ricordare che cos'è il Trading e cosa lo ha reso una soluzione di investimento così particolare.

Che cos'è il trading
In passato, chi voleva effettuare degli investimenti finanziari con il proprio capitale doveva interfacciarsi direttamente con una banca o con un analogo broker "fisico", oggi invece, grazie al trading, gli investimenti si possono compiere liberamente anche su Internet in quanto sono gli stessi portali web ad agire come broker.
La possibilità di investire in autonomia ha spalancato dei grandi orizzonti nel mondo degli investimenti ed è senz'altro un aspetto molto interessante, per contro però ha creato anche dei nuovi rischi: operando in rete, infatti, l'eventualità di incappare in delle truffe è senz'altro superiore.

Quali sono i portali da evitare
I portali web maggiormente a rischio, dunque quelli che devono essere evitati se non si vuol incappare in spiacevoli sorprese, sono anzitutto quelli che promettono guadagni certi, o comunque altamente probabili.
Devono destare una certa dose di scetticismo i siti Internet che offrono delle "consulenze", dunque quelli che dichiarano di poter gestire i capitali dell'utente in modo autonomo garantendogli dei guadagni, anche i portali che offrono solo pochi strumenti di investimento possono celare qualche problema, dal momento che le piattaforme più autorevoli del settore consentono di scegliere tra molteplici diverse tipologie di investimento.
Molto importante è inoltre verificare la sede legale dell'azienda che gestisce il portale: è piuttosto frequente che i portali-truffa abbiano sede in un "paradiso fiscale", dunque in nazioni in cui eventuali truffe online non comportano grossi rischi per i malviventi.

Quali sono le truffe più frequenti
Una delle truffe peggiori in cui si può incappare è quella di operare all'interno di un portale fittizio: società che agiscono in modo criminale, infatti, possono aprire questi siti Internet presentandoli come autorevoli, chiudendoli senza alcun preavviso una volta ottenuti importanti capitali da parte degli utenti.
Questo, tuttavia, non è l'unico rischio in cui si può incappare: può accadere ad esempio che gli ordini vengano eseguiti in differita, in modo che l'investitore non riesca a cogliere la fruttuosità di una determinata operazione, possono essere praticati dei costi di commissione eccessivi, del tutto fuori mercato, oppure da ogni operazione possono essere trattenute delle commissioni che non sono regolarmente dichiarate.
Un'altra eventualità che non può essere esclusa, inoltre, è quella per cui all'interno della piattaforma truffaldina si trovino dei valori non corrispondenti a quelli del mercato finanziario, valori manipolati, dunque, a favore della società che gestisce il sito.

Informarsi bene prima di operare online
Non ci sono dubbi, dunque: prima di iniziare a fare trading è fondamentale scegliere con la massima attenzione la piattaforma a cui far riferimento.
Tenere in considerazione gli aspetti menzionati ed eseguire alcune ricerche in rete può essere sufficiente per evitare brutte sorprese: online è possibile trovare recensioni, opinioni e post che forniscono delle indicazioni molto chiare in quest'ottica, se a giusta ragione pretendi anche di avere dei suggerimenti autorevoli, inoltre, utilizza questo sito per scoprire una truffa nel trading.